Dopo circa tre mesi dalla riapertura dal lockdown e vari decreti, poco o nulla è cambiato nella provincia di Salerno” afferma il sindacalista della Filca Cisl Peppe Marchesano.  I cantieri partono a rilento, molti lavoratori sono ancora in attesa delle indennità di cassa integrazione, alcuni ancora relativi al mese di aprile. Il settore sconta i postumi di una crisi lunga, alla quale si è aggiunta quella delle incertezze e della paura causata dal Covid e da un futuro a tinte fosche.

In questo momento molto incerto – afferma il sindacalista – bisogna aumentare al massimo il livello di vigilanza affinchè non ci siano i soliti furbetti che con la scusa della crisi incentivino il lavoro nero usando gli strumenti di sostegno al reddito in maniera illecita. Le opere pubbliche, tranne qualche eccezione, sono ancora ferme o usate come promesse di rilancio elettorale, le disponibilità sono sbandierate da tutti, nei fatti siamo ancora in attesa di vedere cantierizzare le opere da più parti promesse ma nei fatti ancora fermi sulle scrivanie. Per quanto riguarda le opere private e le opportunità legate al Super Bonus si confermano i dubbi e le impressioni che più volte avevamo richiamato, ovvero il Super Bonus ha bisogno di una reale possibilità di cessione del credito, altrimenti oggi con questa situazione economica ancora incerta non avrà nessun impatto significato sull’occupazione e sull’economia generale“.

Il settore dell’edilizia, se ripartisse realmente, – continua – genererebbe un circolo virtuoso di occasioni occupazionali, di altri settori strettamente legati e un impatto economico in termini di risorse (IRPEF, tasse comunali-regionali, contributi) per i vari livelli istituzionali, risorse che potrebbero a loro volta essere reimmesse nell’economia nazionale per generare nuove opportunità di sgravio o di rilancio dell’economia generale. Bisogna snellire la macchina burocratica, stando attenti a non porgere il fianco ad azioni che potrebbero generare sistemi dove potrebbero inserirsi soggetti malavitosi o sistemi di corruzione“.

– Chiara Di Miele –

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*