A 37 anni dal terremoto che il 23 novembre 1980 rase al suolo molti comuni dell’Irpinia, della Basilicata e dell’Alto Sele, la città di Laviano che fu distrutta e contò 303 morti, ha ricordato ieri sera quel tragico evento che cambiò  per sempre il volto della città.

A presiedere le celebrazioni in ricordo delle vittime del sisma, il vice presidente del Senato, Maurizio Gasparri che insieme agli amministratori locali e al sindaco di Laviano, Oscar Imbriaco, ha ricordato le vittime e incontrato i  superstiti.

Durante l’incontro, il sindaco Imbriaco ha consegnato al senatore Gasparri  la documentazione relativa ai lavori di ricostruzione da ultimare e un dossier sulle aree industriali del Cratere.

“Ci auguriamo che prima della fine di questa legislatura lo Stato completi le opere di ricostruzione” ha spiegato Imbriaco.

Nitidi i ricordi di Gasparri su quei tragici giorni post sisma e le relative difficoltà: Ricordo le tante bare accatastate le une sulle altre, le macerie e la distruzione apocalittica che il sisma provocò” ha ricordato il senatore che nel 1980 era un giovane giornalista.

“Ne seguirono tante discussioni da quella emergenza, dai soccorsi alla ricostruzione. A distanza di 37 anni dalla tragedia del sisma non bisogna cancellare la memoria di quanto accaduto – ha chiarito Gasparri – Ci sono dei problemi pregressi legati alla mancanza di collegamenti e di infrastrutture nel Mezzogiorno e  che hanno ritardato ulteriormente la ricostruzione. Il sisma ha solo aggravato le carenze presenti prima, portando il Sud a restare indietro“.

L’incontro si è concluso con la cerimonia di deposizione di una corona di alloro del Senato, in memoria delle vittime del sisma davanti al monumento  a loro dedicato, tra il ricordo e la commozione dei sopravvissuti a quella tragica notte.

Mariateresa Conte

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano