L’ASD Certosa di Padula, a seguito dei fatti accaduti durante la partita tra Certosa di Padula e Sporting Sala Consilina dello scorso 9 novembre e del polverone mediatico sviluppatosi, intende chiarire tramite un comunicato la propria posizione in merito a quanto successo.

“Al 70′ di una partita corretta ed ancora aperta a qualsiasi risultato, il DG si è visto costretto ad interrompere la gara a causa del comportamento non regolamentare dei tesserati dello Sporting Sala Consilina, che non accettavano una decisione del DG a nostro avviso poco discutibile” – si legge nella comunicazione della dirigenza – “Riteniamo che tali comportamenti poco sportivi siano da evitare su un campo di calcio, ma, pur non giustificando l’accaduto, non ci sentiamo di condannare poichè chi conosce e vive le dinamiche del calcio locale sa che, in momenti concitati della partita, può accadere che il nervosismo prevalga sulla ragione”.

“Riteniamo poi sia ancor più grave che quanto riportato a referto dal direttore di gara non sia completamente aderente alla realtà dei fatti, in quanto sono state rivolte all’arbitro soltanto aggressioni verbali e nessun atto di violenza fisica” – continua il comunicato – “La dirigenza, in ultimo, manifesta il proprio rammarico per quanto letto e sentito sui media locali da vari personaggi che – su fatti appresi per sentito dire e non per conoscenza diretta – hanno espresso giudizi e sentenze. In ogni caso, saremo felici e disponibili a chiarire quanto detto nelle sedi federali competenti, evitando di alimentare il chiacchiericcio da bar creatosi sulla vicenda”.

– redazione –


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*