In questi giorni segnati dalla paura e da tante problematiche strettamente correlate alla diffusione del Coronavirus è bene che si diffondano segnali di vicinanza, condivisione e solidarietà tra le numerose realtà territoriali e le loro Istituzioni di riferimento, di modo da poter superare anche oggettive difficoltà che mano a mano si stanno generando, sostenendosi reciprocamente.

Questo è lo spirito che sta animando le tante attività d’istituto e le iniziative che l’Arma potentina sta conducendo in un così delicato periodo, attraverso i suoi reparti territoriali, distribuiti capillarmente nei 100 comuni della provincia, ove, oramai quotidianamente, affiorano esigenze di diversa natura, il più delle volte connesse all’impossibilità degli spostamenti o alla necessità di osservare le misure imposte dalle Autorità nazionali e locali, che di fatto costituiscono i fondamentali strumenti da utilizzare per sconfiggere il fenomeno epidemico.

In tale ottica, l’azione della Benemerita non va circoscritta solo al controllo del territorio e alla vigilanza nei numerosi centri abitati o lungo le tante arterie stradali di collegamento, bensì considerata anche nella quotidianità, nei momenti di disagio, attraverso semplici gesti compiuti in favore di persone che hanno maggiore bisogno di essere assistite.

Ed è così che i Carabinieri della Stazione di Lagonegro hanno raggiunto la locale Comunità alloggio e Centro diurno per anziani “San Giuseppe”, per portare il sostegno dell’Arma, consapevoli delle loro reali necessità. Nella circostanza hanno consegnato alla responsabile dell’Istituto 30 mascherine per le esigenze del personale sanitario e dei molti ospiti accolti e aiutati al suo interno, taluni in precarie condizioni di salute. Le mascherine sono state cucite da una sarta del luogo che le aveva confezionate e donate agli stessi Carabinieri, i quali hanno ritenuto più utile offrirle e renderle disponibili a chi in questo momento ne ha più bisogno.

A Latronico i Carabinieri si sono recati presso l’abitazione di una persona diversamente abile, situata in una zona molto distante dal centro abitato, per sincerarsi del suo stato di salute. L’uomo, che ha ammesso di non essere assolutamente in grado di potersi sostentare autonomamente a causa della propria condizione, subito dopo ha nuovamente ricevuto visita dai militari che gli hanno comprato e portato a casa dei prodotti di prima necessità, riassicurandolo del fatto che sarebbero comunque ritornati ed invitandolo a segnalare ulteriori bisogni.

Ancora, sempre i Carabinieri di Latronico hanno consegnato alcune medicine salvavita a due anziani coniugi, nella frazione Manca di Basso del comune di Episcopia, i quali sono risultati fedeli osservanti degli obblighi, chiaramente ben recepiti, del “restare a casa”.

– Paola Federico –

Scrivi un commento. Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamatori e razzisti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*