La Svista – Intervista a Lietta Catoni



























catoni 1Per Lietta Catoni il cielo ha un fascino particolare e da tanti anni ne studia il mistero. S’interessa dei disturbi della personalità attraverso lo studio delle costellazioni, applicando il metodo d’indagine della Scuola Astrologica di Amburgo di cui è rappresentante in Italia. Le sue parole ed il suo sorriso ci conducono tra le stelle a scoprire il nostro destino.

  • Lei è laureata in Economia e Commercio. Quando ha cominciato a dedicarsi all’astrologia e perché?

Personalmente da 20 anni mi occupo di astrologia. Nel Medio Evo l’astrologia era insegnata nelle Università; quella di Bologna fu la prima in Europa, e spesso gli astrologi erano anche matematici, medici, filosofi. Un esempio è Girolamo Cardano che a questi interessi aggiungeva lo studio di meccanica e idraulica ma anche di etica, dialettica e divinazione.

  • Cos’è la “scuola uraniana”?

E’ un metodo di interpretazione delle costellazioni “riformato” rispetto a quello tradizionale. Ad Alfred Witte, intorno al 1920, si deve la messa a punto di questo sistema di indagine. I suoi seguaci fondarono la Scuola astrologica di Amburgo. E’ conosciuta nel mondo anche come astrologia uraniana = astrologia del futuro.










  • Quale relazione vi può essere tra astrologia e psicologia?

I più tra gli astrologi moderni si dedicano all’astropsicologia per poter delineare i meccanismi interiori della psiche che motivano i comportamenti esteriori. Ma l’astrologia non è solo ricerca psicologica, è scienza ed arte di previsione.

  • Quanto lo studio degli astri può aiutare un individuo a comprendere la propria personalità?

Nel senso sopra indicato. Conoscere meglio se stessi e avere il senso del proprio destino, come percorso o viaggio dentro la vita,aiuta ad indirizzare le proprie scelte. Va tuttavia ricordato quanto sosteneva Cardano : l’ordine complessivo nel quale siamo immersi ha una portata solo parzialmente penetrabile, anche per l’astrologia.

  • Vi sono delle “influenze” sia negative che positive che possono determinare o modificare la vita di una persona?

La vita non è immobile, è nel segno del divenire e delle esperienze iscritte nelle costellazioni personali. Periodicamente i transiti planetari e le progressioni ci mettono di fronte alle vicende che ci sono riservate.

  • Lei ha studiato le costellazioni ed ha ricavato un oroscopo del mondo per il 2014. Come sarà la situazione mondiale nei prossimi mesi ?

Nel mio web: www.uraniana.it ho pubblicato questa ricerca che sono solita fare ogni anno. Potrà trovarvi delle indicazioni. Ovviamente si tratta di previsioni suscettibili di un margine di errore. Posso dire, dopo la grande crisi del 2008, il mondo occidentale continua ad essere in difficoltà. In altri paesi si scatena la violenza, la guerra, il dolore e l’ingiustizia. Poi ci sono i paesi emergenti, ma anche qui non mancano i problemi.

  • Come si concilia la posizione astrologica del mondo o di una persona con il libero arbitrio e la coscienza individuale? E’ tutto un frutto delle situazioni astrologiche, perciò già scritto nel nostro destino oppure l’uomo ha la facoltà di modificare situazioni ed eventi?

LIETTA CATONINel corso degli anni mi sono posta più volte questo interrogativo. Alcuni dei pionieri “amburghesi” non lasciavano spazio al libero arbitrio. La mia esperienza e quella di persone amiche e di conoscenti intimi, mi ha fatto pensare che lo spazio del libero arbitro c’è ma è molto stretto e se ci discostiamo dalla linea tracciata dal nostro destino troviamo ostacoli duri. Conoscere per quanto possibile l’astrologia significa accettare la linea del proprio destino ed imparare a non pretendere ciò che non può esserci personalmente dato.

  • Cosa l’affascina di questa scienza?

La possibilità di trovare il proprio destino, di diventarne consapevoli e quindi di dare senso alla propria vita.

  • Quale congiunzione di astri è perfetta o migliore di altre?

Ci sono costellazioni tendenzialmente buone ed altre tendenzialmente cattive. Ma questo non significa che le buone costellazioni come le cattive avranno sempre gli effetti attesi. Bisogna valutarne di volta in volta i significati nella catena dei fattori planetari che si trovano intorno alle costellazioni prese in esame.

  • Pensa che ci sia qualcosa di vero nell’espressione “nascere sotto una buona stella”?

Sì!

  • L’astrologia può esserci d’aiuto per affrontare la vita?

Come ho spiegato fin qui, è utile. Ma solo nella misura in cui si finisce per accettare il proprio destino.

  • Nell’analizzare il “quadro celeste” di un individuo, quali sono i fattori importanti da conoscere che potrebbero determinare le differenze?

Bisogna studiare la carta del cielo natale ed individuare le costellazioni più significative. Quanto alle differenze, posso dirle che se fossi nata a New York, lo stesso giorno mese anno e ora, avrei avuto un destino più facile. In realtà io non avevo quell’opzione…

  • Dagli studi effettuati sul quadro astrologico di particolari individui (Hitler, Himmler,, ecc.) cosa è emerso di particolare? La tendenza al male era già scritta nelle loro stelle?

Nel 2010 ho portato a New York un lavoro sperimentale sulle personalità psichicamente disturbate, in particolare riferendomi a soggetti abusanti, pedofili, narcisisti estremi, crudeli, non-empatici. Fra di essi il gerarca nazista Himmler, una personalità inquietante, malvagia. C’è da chiedersi come sarebbe stata la sua vita se non avesse incontrato Hitler e il nazismo. Forse sarebbe stato solo un uomo maligno, asociale, vendicativo, e gli altri lo avrebbero allontanato. Non sempre le cattive costellazioni si riferiscono a qualità del carattere ma alla professione scelta. Per esempio: un medico ha una costellazione difficile, ma se sceglie di servire gli ammalati con dedizione e partecipazione, la sua costellazione diventa perfetta. Dal 2008 ho iniziato ad interessarmi alle personalità borderline, costruendo su alcuni individui le costellazioni sperimentali che poi si sono rivelate appropriate. Si tratta di personalità traumatizzate da eventi terribili della vita, più spesso da traumi familiari, abusi, genitori (la madre in particolare) non accudenti, non empatici che hanno a loro volta sofferto di grave mancanza in ambito familiare.

  • Studiando il quadro astrale al momento della nascita di una persona, si può sapere qualcosa sul proprio percorso di vita. Si può ricavare anche la data della propria morte?

Sulle occasioni che si possono presentare. Ma dire “quali” è azzardato. Possiamo solo vedere che ci sono certi appuntamenti della vita più facili o più difficili. Nella mia esperienza mi è capitato spesso di invitare qualche amico a fare accertamenti diagnostici perché la costellazione progressa o in transito mi suggeriva questa interpretazione. Quanto al giorno della morte, non è proprio il caso di pensarci. Ho potuto verificare che non c’è una costellazione precisa ad indicarla, ognuno fa storia a sé.

– Paola Testaferrata –


Lietta Catoni è stata allieva di Udo Rudolph, l’ultimo grande astrologo della generazione amburghese dei Witte, Sieggrun e Rudolph che diedero vita, nel primo ventennio del secolo scorso, alla Scuola di Amburgo oggi nota anche come Astrologia Uraniana. Ha conseguito il diploma della Astrologische Studiengesellschaft Hamburger Schule e V. (Scuola Astrologica di Amburgo) nel 2003 ad Amburgo con la tesi “La qualità del tempo in Astrologia”. E’ stata ricercatrice nella Hamburg School of Astrology Research Centre (HSARC). Udo Rudolph nel 2007 le conferì,attraverso il HSARC , il titolo di “Rappresentante della Scuola Astrologica di Amburgo in Italia” autorizzandola all’insegnamento del metodo uraniano. Per tre anni Lietta Catoni ha curato la pagina astrologica del settimanale “A” del gruppo Rizzoli-Corriere della Sera. Attualmente svolge un lavoro di insegnamento e di consulenza astrologica ed è quotidianamente in contatto con una nota psicoterapeuta al fine di ricercare e poi tradurre nel linguaggio dell’ astrologia uraniana le costellazioni di sofferenza nei disturbi della personalità .


 

































Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*