La Regione Campania non ha una pianificazione del territorio per il dissesto idrogeologico”.

A dichiararlo è Imma Vietri, coordinatrice provinciale di Fratelli d’Italia.

“La riprova di come manchi una programmazione – denuncia – sono i fondi stanziati dal Governo con il Piano nazionale per la mitigazione del rischio idrogeologico. Alle Regioni spettava indicare le priorità, mediante apposite conferenze di servizi, sulla base dei fabbisogni dei singoli territori. Insomma un’occasione più unica che rara per mettere in sicurezza diverse aree a rischio e riperimetrarle, liberandole così anche dai vincoli e dai lacciuoli che hanno mummificato molte zone del territorio salernitano. La Campania, invece, al posto di sfruttare l’opportunità, ha presentato 22 interventi, alcuni dei quali addirittura di manutenzione straordinaria, per un totale di 16 milioni di euro. Eppure in Campania tanti territori sono a rischio idrogeologico”.

Secondo Imma Vietri, inoltre “si è preferito produrre progetti già cantierabili e non sfruttare l’occasione per risolvere situazioni ben più complicate. Non è possibile sprecare opportunità e finanziamenti senza avere uno sviluppo organico e pianificato delle risorse per le emergenze. Mi chiedo dove sia la programmazione con il Distretto Appennino meridionale ed ex Autorità di bacino, che tanti vincoli ha posto, immobilizzando tanta parte della nostra regione e soprattutto della provincia salernitana”.

Dunque, come rimarca Imma Vietri, è stata, ancora una volta, privilegiata la vecchia logica politica degli interventi a pioggia come nella migliore tradizione degli esperimenti assistenzialistici e fallimentari della vecchia politica”.

“Nelle aree del Cilento sottolinea –  si vive una cronica emergenza frane e in cui tante strade si trovano in condizioni pietose. Questo accade per l’incapacità di pianificazione e programmazione territoriale ma soprattutto per l’incapacità di sfruttare le opportunità”.

– Claudia Monaco –

Un commento

  1. Franco Iorio says:

    Ma no, via… anche se in politica non è possibile truffare così. Affermare cosa che non è, significa puntare sull’ignoranza (da ignorare, s’intende). La brava Imma Vietri afferma che la nostra Regione non ha un Piano contro il Dissesto Idrogeologico. Falso! La nostra Regione ha approvato il piano per il dissesto idrogeologico del territorio con L. R. n. 13 del 13 ottobre 2018. Un Piano cui i Comuni, nella redazione dei propri strumenti urbanistici e territoriale, devono tenere in debito conto degli indirizzi strategici per la particolare situazione di dissesto idrogeologico del proprio territorio, adeguando agli indirizzi strategici individuati nel Piano Territoriale Regionale approvato appunto con la L.R. n. 13 del 13 ottobre 2008. Poi esiste l’apposito Servizio Geologico e Difesa del Suolo ha il compito di monitorare gli interventi finanziati con Fondi Nazionali (ex L. 183/89, L.267/98, L.179/02) e con interventi finanziati con propri Fondi. Oltre che per l’attuazione degli interventi finanziati con Fondi POR FESR 2007-2013 (Obiettivo Operativo 1.5), con Fondi FAS e con Fondi del Ministero dell’Ambiente e Tutela del Territorio e del Mare. E allora come la mettiamo? Ma veramente la Imma crede che può prendere tutti per i fondelli? Se il suo mentore è Cirielli Edmondo, avrà vita politica breve… come il famoso “processo breve”, come le “interrogazioni” giornalieri inutili e inconcludenti, poste dal “capitano” Edmondo solo per fare ammuina!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*