Sospensione dei termini di pagamento e delle entrate coattive che slittano al 31 maggio. Contemporaneamente, non saranno applicati interessi e sanzioni per questi pagamenti. Disposta poi la proroga al 31 maggio per le rateizzazioni in essere, mentre la prima rata della Tari slitta al prossimo 31 luglio.

La deliberazione è stata assunta dalla Giunta Comunale di Eboli, che in questo modo mette in campo sostegno concreto alle esigenze della comunità.

Come è evidente dal provvedimento – spiega il sindaco Massimo Cariellosiamo intervenuti per stare al fianco di imprenditori, commercianti ed imprese. Per tre mesi il Comune non chiederà soldi alle famiglie e alle imprese, in questo modo sosteniamo le difficoltà in cui l’emergenza sanitaria del momento costringe le attività e le stesse famiglie“.

Un provvedimento, quello della Giunta comunale, che arriva a meno di 48 ore dal decreto governativo che ha stabilito l’area protetta sull’intero territorio nazionale.

Incidiamo in maniera sensibile sugli aspetti economici e finanziari che rischiano di mettere in ginocchio attività e famiglie – sottolinea il vicesindaco con delega al bilancio, Cosimo Pio Di Benedetto -.  In particolare sospensioni e proroghe dei pagamenti riguardano Cosap, Pubblicità, Tari, Imu e Tasi se rateizzati, le ingiunzioni della Polizia Municipale e tutto quanto rateizzato con il Comune, di qualsiasi natura sia“.

Una boccata d’ossigeno per gli ebolitani che l’Amministrazione Cariello ha voluto subito deliberare.

Il comparto commerciale ed imprenditoriali rischia di pagare carissimo il momento emergenziale – dice l’assessore alle attività produttive, Marina Cerrone -. Questo provvedimento segnala la sensibilità dell’Amministrazione per le difficoltà dei cittadini e garantisce una boccata d’ossigeno ad imprenditori e famiglie“.

– Paola Federico –

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*