La FedAPI – Federazione Artigiani e Piccoli Imprenditori è intervenuta in vista della convocazione della Regione Campania al tavolo di lavoro Governo – Regioni.

Pietro Vivone, Presidente Nazionale FedAPI, afferma che “grazie al contributo di numerosi imprenditori a noi associati, il nostro Centro Studi ha elaborato una serie di proposte che sono state sottoposte all’attenzione della Regione Campania per poi essere discusse all’interno del tavolo di lavoro Governo – Regioni”.

Tra le principali richieste alle Istituzioni viene promosso il ristoro economico per le aziende che subiranno una contrazione delle vendite, la sospensione dei tributi locali, esenzioni e riduzioni sul pagamento del bollo auto, credito d’imposta per i proprietari di immobili in affitto, abolizione dell’obbligo contributivo INPS in quota fissa e investimenti infrastrutturali.

Accogliamo quindi con favore il Decreto Ristori, – prosegue – in particolare per la maggiorazione degli importi da destinare ad imprenditori e lavoratori: tali contributi dovranno però arrivare puntuali ed essere sufficienti ad impedire che le imprese siano costrette a gettare la spugna. Il diritto di fare impresa va salvaguardato, anche e soprattutto in tempo di crisi“.

Antonio Procida, Responsabile del Centro Studi FedAPI, aggiunge:”Abbiamo riscontrato diverse omissioni di Codici Ateco nel Decreto Ristori, numerose sono quindi le categorie escluse. Nelle prossime ore invieremo richieste di integrazioni a tutti i livelli istituzionali“.

– Chiara Di Miele –

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano