immagine di repertorio

Quattro squadre, oltre trenta operai specializzati e un budget di 180mila euro.

Sono questi gli elementi che caratterizzeranno l’attività di prevenzione degli incendi boschivi nel Vallo di Diano e coordinata dalla Comunità Montana Vallo di Diano.

“Anche quest’anno come già fatto in passato ci siamo attivati con largo anticipo per predisporre il piano di prevenzione su tutto il territorio di nostra competenza – ha spiegato Raffaele Accetta, presidente della Comunità Montana – L’attività di antincendio sarà affidata a quattro squadre di operai specializzati, ciascuna squadra sarà composta in media da 8 persone che saranno distribuite tra Padula e San Rufo in modo tale da poter garantire una copertura del servizio sia nel nord che nell’area sud del comprensorio”. 








“La Regione ha stanziato a nostro favore la somma di 180mila euro che sarà destinata esclusivamente a questo tipo di attività – ha sottolineato – Ora attendiamo di ricevere, da parte degli uffici competenti, della Regione le direttive con le indicazioni per lo svolgimento del servizio”. 

Negli ultimi anni le squadre della Comunità Montana sono state impegnate molto spesso per far fronte ad incendi che, in molti casi, si sono rivelati di origine dolosa e hanno distrutto centinaia di ettari di superficie boscata molti dei quali ricadenti nell’area del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano ed Alburni.

“Mi auguro che quest’anno – ha concluso Accetta – le squadre lavorino il meno possibile. Sono importanti le segnalazioni da parte dei cittadini che potranno essere fatte al numero 1515 oppure al numero verde 800 449 911″.

– Erminio Cioffi –

 

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*