Lo scorso 21 novembre la Commanderia Cavalieri Dianum, nel suggestivo Battistero Paleolitico di San Giovanni in Fonte a Padula, dopo il capitolo nel quale si è sancita la completa autonomia e dissociazione da ogni altro ordine cavalleresco, è stata ammessa e quindi sono stati accettati tutti i suoi cavalieri e dame nell’Ordo Supremus Militari Templi Hierosolymitani Universalir (O.S.M.T.H.U.) Gran Priorato Generale D’Italia.

Per l’occasione ha presenziato Antonio Paris, Maestro Mondiale dell’Ordine, con il Priore Generale Walter Tacconi ed il guardiano della fede. Si è così costituito il Gran Balivato della Lucania composto da cavalieri provenienti sia dalla Campania che dalla vicina Basilicata. Tappe importanti segneranno il cammino dei cavalieri: già in programma per il prossimo marzo a Roma l’elevazione del Cavaliere Vincenzo Petrazzuolo a Gran Balivo e ad aprile a Fatima si terrà la cerimonia di elevazione del Gran Maestro Mondiale dell’Ordine Atonio Paris.

L’Ordo Supremus Militari Templi Hierosolymitani Universalir si posiziona all’interno dell’antica pianta che ebbe origine da Bernard-Raymond Fabrè-Palaprat in Francia nel XVIII secolo, sopravvissuto sino ai giorni nostri in tutto il mondo e organizzato in piccoli rami (i Priorati generali nazionali). Nacque dalla volontà di vari Priorati Nazionali Autonomi che vollero riunire in un solo spirito i vari gruppi templari che, attraverso un Consiglio Magistrale, elessero il Maestro Mondiale. I cavalieri moderni sono impegnati a vivere una vita cristiana sacramentale secondo l’antica regola e secondo l’onore cavalleresco. I membri dell’ordine sono cristiani secondo la più severa tradizione spirituale ma con un’apertura ecumenica ispirata dallo spirito del Concilio Vaticano II e dal principio dell’universalità della Chiesa Cattolica di Roma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano