Come noto, il piano per la somministrazione dei vaccini ormai costituisce un punto focale per la lotta al Covid-19, in quanto la velocità di realizzazione della copertura vaccinale rappresenta la vera sfida per superare l’emergenza sanitaria. Al fine di rispondere immediatamente e contribuire a tale campagna, la Banca Monte Pruno, già nella giornata di ieri, ha fornito la sua disponibilità all’Associazione Bancaria Italiana, garantendo la possibilità di poter somministrare i vaccini presso le sue sedi.

Sull’argomento sia l’ABI sia Federcasse che le Organizzazioni Sindacali Fabi, First-Cisl, Fisac-Cgil, Uilca e Unisin hanno messo in atto un’azione congiunta di coinvolgimento per costruire una rete sempre più ampia e diffusa sul territorio nazionale grazie al supporto logistico delle Banche.

È bene ricordare come fin dall’inizio dell’emergenza il settore bancario si è prodigato, con ogni sforzo, per garantire nel massimo rispetto delle norme igienico-sanitarie l’erogazione dei propri servizi. La continuità di tali servizi è stata realizzata attraverso l’intensa collaborazione tra tutte le parti che hanno condiviso, in specifici protocolli, le misure di prevenzione, contrasto e contenimento della diffusione del virus, da osservare nel settore bancario in ragione dei differenti scenari di rischio del Paese.

Date le difficoltà ad individuare spazi nelle piccole comunità, in una logica di mutualità la Banca Monte Pruno condivide pienamente lo sforzo di Federcasse finalizzato a chiedere la massima collaborazione delle Banche di Credito Cooperativo per mettere a disposizione le proprie sedi e contribuire alla realizzazione del Piano vaccinale, sempre che vi siano tutti i requisiti sanitari necessari.

Faremo di tutto – commenta il Direttore Generale della Banca Monte Pruno Michele Albaneseper dare il nostro contributo alla causa in un momento così particolare. Abbiamo accolto immediatamente la proposta dell’ABI e faremo lo stesso anche con Federcasse perché ora è il momento di essere uniti e mettere in campo ogni energia. Le nostre sedi di Roscigno, Sant’Arsenio e Fisciano sono a disposizione delle Autorità per favorire la più ampia e capillare diffusione sul territorio, evitando che alcuni cittadini possano avere difficoltà nel raggiungere i centri più grandi, come potrebbe accadere in tanti piccoli paesi dell’entroterra che serviamo. Sono tutte sedi con caratteristiche adeguate, in quanto dotate di ampi parcheggi e di spazi importanti per tutte le necessità del caso. Inutile sottolineare che siamo a disposizione del territorio, degli Enti Locali e delle Autorità Sanitarie, anche con la nostra Fondazione, per qualsiasi fattispecie collegata allo scopo che possa favorire la più ampia diffusione dei vaccini”.

– Chiara Di Miele –

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*