La Tubifor è una solida ed importante realtà imprenditoriale del Vallo di Diano. Il processo di crescita, da 25 anni a questa parte, non si è arrestato: Tubifor continua ad ampliare la gamma di prodotti offerti e ad incrementare la capacità produttiva, con significativi investimenti per la ricerca e l’innovazione. Proprio in occasione del venticinquesimo anno di vita, la Tubifor ha coronato il proprio successo ottenendo la certificazione del sistema di gestione ambientale in accordo con la norma ISO 14001-2004, quale segno dell’impegno che l’azienda ha assunto nei confronti dell’ambiente e dello sviluppo eco – compatibile. Abbiamo incontrato il titolare Antonio Fortunati.

D. – Quando e com’è nata l’azienda? Di cosa si occupa?

R. – “L’azienda è nata nel 1980 da un progetto condiviso con mio fratello Franco. Siamo partiti da Padula, in Via Duca degli Abruzzi, per poi trasferirci a Buonabitacolo in uno stabilimento consono alla produzione. Con il passare degli anni, la Tubifor ha esteso la produzione, passando dalle due linee iniziali per la produzione del tubo pieghevole alle linee per tubo rigido e canaline. Voglio ricordare che, nel 1987, Tubifor è stata tra le prime aziende del Centro – Sud nel suo comparto ad ottenere la certificazione IMQ su tutti i prodotti, compiendo un significativo salto di qualità”

D. – Quante persone lavorano al suo fianco?

R. – “34 persone lavorano direttamente in azienda ed altrettante nell’indotto”

D. – Partendo dalla sua azienda, quale pensa sia la situazione delle aziende nel Vallo di Diano in questo momento così difficile? Quanto hanno risentito della crisi?

R. – “E’ un momento davvero difficile a livello mondiale ed ovviamente anche il Vallo Di Diano ha risentito fortemente della crisi. L’economia del nostro territorio, con le sue imprese in maggioranza operanti nel campo edile,  settore particolarmente colpito, soffre in maniera preoccupante e stenta a ritrovare un equilibrio”

D. – Che bilancio vuole tracciare della sua attività da imprenditore nel nostro territorio dopo anni di esperienza?

R. – “Il bilancio della mia attività nel nostro territorio si può suddividere in due fasi: la prima va dal 1980 al 2000, quando la mia azienda a Padula ha risentito dell’ambiente sfavorevole alle iniziative produttive ed imprenditoriali; nella seconda, e cioè dal 2000 ad oggi, la Tubifor, con il trasferimento a Buonabitacolo, ha avuto a disposizione spazi diversi ed un ambiente maggiormente favorevole alle imprese. In questa seconda fase, l’azienda è cresciuta in modo significativo, imponendosi in maniera decisa anche sui mercati internazionali”

D. – Quale messaggio vuole dare ai giovani che oggi vorrebbero intraprendere la strada dell’imprenditoria nel Vallo di Diano?

R. – “I giovani non devono aver paura del futuro, i sogni vanno inseguiti con tutte le forze e realizzati. Mai perdere la fiducia! Le opportunità sono notevoli in vari campi, da quello enogastronomico a quello culturale – ambientale, senza trascurare le industrie manifatturiere, i cui prodotti possono trovare mercato parallelemente a quelle già esistenti. La formazione oggi è molto importante: unendo questa alla tenacia e allo spirito di sacrificio, ogni traguardo può essere raggiunto”.

– Filomena Chiappardo –

– messaggio promozionale –


 

Commenti chiusi