Caso Soget a Camerota, archiviata la posizione del sindaco Scarpitta e dei consiglieri. Proprio questi ultimi si erano detti sin da subito sereni. Insieme al Responsabile dell’Ufficio Finanziario del Comune avevano avuto modo di chiarire, documenti alla mano, che l’azione amministrativa non solo era lecita, ma si è rivelata anche a favore della collettività essendo riusciti, con gli strumenti previsti dalla legge, a far risparmiare oltre due milioni di euro solo nei primi due anni (quasi 6 sino alla fine del contratto) ai cittadini.

Bene ha fatto, dunque, il Comune di Camerota a rinegoziare il contratto. Nessuna ipotesi di reato, nessuna condotta errata, nessuna responsabilità. Nove le persone che erano state iscritte nel registro degli indagati per presunti reati riferiti alla rimodulazione del contratto con la Soget spa e all’affidamento del parcheggio alla stessa società: il sindaco Scarpitta, la Giunta, il segretario comunale, il Responsabile dell’Ufficio Finanziario e due persone della società stessa.

Siamo particolarmente soddisfatti. Poco più di sette mesi dopo la notifica degli atti giudiziari – hanno dichiarato il Sindaco e i consiglieri di maggioranza – è stato lo stesso pubblico ministero ad analizzare i documenti proposti e a valutare la correttezza del nostro operato, riconoscendo l’utilità di quanto fatto per il bene collettivo di Camerota. Per i consiglieri comunali di opposizione Guzzo, Infantini, Del Gaudio e Laino, che avevano denunciato un presunto abuso d’ufficio ed ipotizzato chissà quali interessi privati nelle vicende pubbliche che riguardano riscossione coattiva, parcheggi, valga come l’ennesima conferma che a Camerota da oltre quattro anni le cose si fanno per bene. I nemici vanno perdonati ma non vanno dimenticati mai i loro nomi. Specie quando sono nemici del popolo, del territorio e di chi vi abita. Questo è un risultato che conferma l’inutilità di un’opposizione fatta senza conoscenza degli atti e senza analisi approfondita, che scrive ricorsi, avvelena i pozzi e poi rimane sempre con un pugno di mosche in mano“.

Ringraziamo gli avvocati Marco Sansone, Carmine Caputo e Rosario Pirrone – chiosano i membri della maggioranza – che, fin dal primo giorno, hanno svolto il proprio lavoro con professionalità e competenza. Valuteremo senza dubbio (ove non lo facesse la Procura d’ufficio) di tutelare immagine e reputazione attraverso una denuncia per calunnia“.

Molto soddisfatto anche Giovanni Castaldi, Responsabile dell’Ufficio Finanziario dell’Ente: “Giornate come queste ripagano degli sforzi e dei sacrifici quotidiani di chi non conosce altro che lavoro, dedizione e onestà e generosamente si mette al servizio di tutti usando un’unica direttiva: la legge“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano