Si è tenuto questa mattina un incontro tra l’assessore alle Attività Produttive della Regione Campania, Antonio Marchiello, e il Presidente di Confesercenti Campania, Vincenzo Schiavo, per pianificare il futuro delle categoria dei ristoranti e dei bar, messi in ginocchio da Covid, maltempo e crisi economica conseguente. Alla riunione hanno partecipato anche il presidente della Fiepet Campania (Federazione italiana degli esercenti pubblici e turistici, affiliata a Confesercenti stessa) Vincenzo Politelli e il vicepresidente Mirco Martucci.

Abbiamo avuto risposte incoraggianti e costruttive su tutta la linea – esordisce Vincenzo Schiavo -. Mi preme innanzitutto esprimere grande soddisfazione per questo incontro e sinceri ringraziamenti all’assessore Marchiello che ci ha dedicato molto tempo, fornendoci risposte puntuali e precise alle nostre richieste. Insieme alla Fiepet abbiamo fatto il quadro della situazione delle nostre attività“.

Vincenzo Politelli ha trasferito all’assessore la disperazione e le esigenze del momento delle imprese della nostra regione. “E’ stato un proficuo confronto – ha detto Politelli – , in cui abbiamo riportato le informazioni oggettive sullo stato delle cose. Abbiamo chiesto con forza alla Regione di fornirci risposte chiare e immediate per poter pianificare il futuro delle imprese della ristorazione della Campania“.

Tre gli esiti essenziali del confronto: entro oggi l’assessore regionale farà sapere se il 7 e l’8 gennaio i ristoranti e i bar della Campania potranno aprire senza restrizioni, dopo la verifica dello stato dei contagi e in base alle decisioni del Governo nazionale. Inoltre c’è la promessa che verranno forniti agli esercenti, a breve e medio termine, prestiti e finanziamenti garantiti dalla Regione, che si farebbe carico di coprire gli interessi e le spese. Ci saranno dunque alcuni “bullet” a 12 mesi che metteranno in condizioni le imprese di avere un “cash flow” immediato per riaprire e riattivare la loro economia e quella della Campania.

– Chiara Di Miele –

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*