Inaugurata a Salerno la seconda panchina rossa come segno di ripudio a ogni forma di violenza



































 

E’ stata inaugurata questa mattina una panchina rossa in Piazza Vittorio Veneto a Salerno, quale segno permanente di ripudio ad ogni forma di violenza.

L’iniziativa promossa da CGIL, CISL e UIL si inserisce nell’ambito delle manifestazioni organizzate a Salerno per sensibilizzare le persone contro la violenza sulle donne.







“La panchina rossa al centro della città rappresenta un simbolo per evocare nella mente di tutti le immani tragedie quotidiane che le donne subiscono – dichiara il Sindaco di Salerno, Vincenzo Napoli – Anche le nuove generazioni devono essere incuriosite da una panchina rossa che campeggia al centro di una piazza, poiché i numeri delle violenze sulle donne sono da brividi.”

Nel 2016, in occasione della giornata mondiale contro la violenza sulle donne è stata installata una prima panchina rossa in via Torrione.

“La violenza di genere sulle donne non deve essere ricordata solo il 25 novembre, per questo oggi abbiamo voluto riunire la cittadinanza, le istituzioni e le parti sociali per mettere al centro dell’attenzione il femminicidio e le violenze fisiche e psicologiche sulle donne, incapaci molto spesso di reagire – spiega Maria Rosaria Mazzotta, segretaria confederale CGIL – Purtroppo oltre 7 milioni di donne nella loro vita hanno subìto una violenza e dagli ultimi dati risulta che anche le giovani donne e ragazze sono vittime di violenze”.

Il Sindaco Napoli ha inaugurato la panchina rossa, insieme ai rappresentati dei sindacati, Anna Petrone consigliera provinciale delle Pari Opportunità e Domenica Lomazzo, consigliera regionale di Parità che ha sottolineato: “Sono importanti i simboli nelle nostre città, ma contano soprattutto le azioni che le istituzioni devono fare a partire dall’istruzione scolastica, per incidere sulla cultura maschilista della nostra società e puntare sul valore dei pari diritti”.

– Rosanna Raimondo –

































Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*