La pelle è l’organo più esteso e più esposto del nostro corpo. Assolve a numerose e importantissime azioni ed è sempre necessario prendersene cura.

Quella del viso è la più delicata e sensibile e per questo bisogna fare in modo che sia sempre perfetta. Per migliorare l’aspetto cutaneo, la detersione è il primo passo fondamentale per prendersi cura della propria pelle. Senza una buona detersione si rischia di peggiorare il proprio aspetto. Bisogna sempre detergere il viso sia al mattino, per eliminare il sebo prodotto durante la notte, che la sera per rimuovere trucco e impurità.










La nostra pelle va incontro a normali processi di ricambio cellulare durante la notte e produciamo sebo, indipendentemente dalla nostra volontà. La produzione di nuove cellule e del sebo avvengono in maniera diversa a seconda della stagione, della temperatura, dell’ambiente, degli ormoni, per questo al mattino vediamo a volte la pelle lucida, non liscia.

Un’altra azione importante è struccarsi sempre prima di andare a dormire. Non struccandosi, infatti, si alterano i meccanismi di normale ricambio e di eliminazione di sebo in eccesso. Struccandosi la sera andiamo ad eliminare sia le cellule morte che il sebo in eccesso della giornata, in modo da non occludere i pori, perché non rimuovendo il sebo questo si ossida, creando punti neri e brufoli. Inoltre, durante la giornata si depositano sulla pelle inquinanti ambientali che ne provocano l’invecchiamento, perché stimolano la produzione di radicali liberi, riducendo la produzione di collagene.

Se restiamo truccate, il make-up agisce come spugna per gli agenti inquinanti peggiorando così la situazione. Bisogna porre particolare attenzione nella rimozione del mascara perché anche sulla palpebra abbiamo dei pori, delle ghiandole che possono ostruirsi con il trucco e si possono formare dei “brufoletti” che per gli occhi si chiamano orzaioli. Non rimuovendo bene il mascara, andando a dormire, i residui vanno su tutto il viso tramite il cuscino, e può causare una dermatite irritativa da contatto. Non struccandosi si rischia di avere la pelle grigia, secca e spenta per le cellule morte non rimosse, più punti neri e brufoli per il sebo non eliminato, e inoltre si lasciano i radicali liberi a contatto con la pelle, favorendo la formazione di rughe.

Ci sono notevoli differenze fra detergente e struccante. Il detergente è studiato per eliminare il sebo, rendendo la pelle pulita e pronta ai trattamenti successivi (siero, creme, trucco). Non è adatto alla rimozione del make-up perché ha una formulazione più delicata. Lo struccante ha una formulazione più aggressiva ed è meglio utilizzarlo solo la sera per rimuovere trucco e sebo.

Quando si utilizzano prodotti sbagliati può capitare di avere una pelle troppo secca o con eccessiva produzione di sebo. Le ghiandole sebacee sono nel derma e con la detersione si va a pulire i pori dall’eccesso di sebo che si va ad accumulare: rimuovendolo si evita che i pori si dilatino in maniera permanente.

Non tutti i prodotti vanno bene, dipende dal tipo di pelle e dal periodo. Ad esempio le salviettine struccanti non sono ideali per struccarsi la sera perché spesso contengono dei conservanti, che sono tra le sostanze più allergizzanti; le si utilizzano vecchie perché dimenticate e utilizzate anche dopo il PAO (period after opening), o ancora non vengono risciacquate perché usate per rapidità, possono essere quindi troppo aggressive e aumentare la produzione di sebo.

Parlerò prossimamente su quali prodotti usare per i vari tipi di pelle. Nel frattempo bisogna ricordare che l’efficacia di un trattamento cosmetico dipende dalla propensione a prendersi cura di se stessi. Chi si ama di più ottiene più risultati.

– Monica T. Gallo –

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*