Con le abbuffate natalizie è facile rischiare un’indigestione con annesso bruciore di stomaco. A chi non è mai successo di avvertire un fastidio dopo il fritto del cenone di Natale o di sentirsi appesantito dopo l’ennesimo pandoro o panettone al termine di un pasto abbondante? L’acidità è un classico effetto collaterale che capita di dover gestire durante le settimane delle abbuffate.

Quando si mangia di più rispetto al solito, esagerando con zuccheri e grassi, il nostro stomaco ci manda segnali di malessere tramite una serie di problemi come cattiva digestione, bruciore, nausea, pesantezza e gonfiore che possono essere tranquillamente gestiti ed evitati per trascorrere delle serene vacanze. Prima di ricorrere ai medicinali è meglio avere delle accortezze. Bisogna fare attenzione alle quantità, evitare i piatti pieni. Non esagerare con gli zuccheri, è preferibile mangiare un dolce a fine pasto piuttosto che per merenda perché gli zuccheri vengono assimilati meglio, ma è sempre meglio non abusarne, come del resto vale anche per i grassi soprattutto quelli che si mangiano senza accorgersene tramite sughi elaborati e creme. È difficile rinunciare ai brindisi delle feste, ma bisogna limitare il consumo di alcool ed è importante non bere di fretta e a stomaco vuoto.

Quando si esagera insorge l’acidità gastrica, dovuta ad un aumento della produzione di acido gastrico tale da creare un’infiammazione della mucosa accompagnata da sintomi caratteristici come il bruciore e il dolore. In alcuni casi è possibile che si presentino anche nausea e vomito, pesantezza e gonfiore addominale.

Durante le feste spesso viene consigliato il digiuno rigenerante, principalmente dopo l’Epifania, ma è meglio invece moderarsi nelle quantità, non esagerare con le porzioni e con le calorie superflue, pur non rinunciando ai piaceri della tavola. Se si ha il tempo è bene fare un po’ di movimento, anche solo delle passeggiate per aiutare la digestione.

Se anche avendo delle accortezze l’acidità e il bruciore rimangono, si può ricorrere ad alcuni rimedi per alleviare il problema, come farmaci antiacidi, sostanze che aumentano la motilità gastrointestinale, o alcuni preparati che riducono il gonfiore addominale, come quelli a base di carbone vegetale. Alcuni rimedi per ridurre l’acidità gastrica sono il Biochetasi, l’uso di tisane alla malva o alla menta, aloe vera, camomilla, Maalox, Gaviscon e tanti altri, ovviamente è necessario prima individuare la causa principale della condizione. Questi sono tutti farmaci di automedicazione e senza obbligo di prescrizione. Se si soffre di problemi gastrici bisogna fare attenzione anche durante le feste, senza rinunciare ai piaceri e quando le vacanze sono terminate è meglio fare una dieta rigenerante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano