Con bancarelle chiuse i venditori ambulanti di alimentari e prodotti ortofrutticoli hanno protestato, questa mattina, durante il mercato settimanale a Sala Consilina.

Gli ambulanti lamentano il fatto che dopo la ripresa del mercato, sospeso a causa dell’emergenza Covid-19, sono stati spostati senza alcun preavviso in Piazza Umberto I mentre tutte le bancarelle dei venditori di abbigliamento, calzature e casalinghi continuano ad essere collocate lungo via Matteotti. Le bancarelle degli agricoltori locali sono invece situate nei Giardinetti in via Garibaldi.

Per noi il virus è ancora presente perché ci hanno spostato senza darci una spiegazione valida – fanno sapere i commercianti -. Ci è stato detto che dal 1° luglio saremmo ritornati al posto di prima, invece siamo ancora qua e non ci fanno sapere il motivo. Noi viviamo di questo e non ci mettono in condizione di poter lavorare. La gente non viene perché molto distante dall’altra parte del mercato. Chi viene arriva affannato data la salita. Ci hanno completamente azzerato. I posti per noi in via Matteotti ci sono dato che alcuni venditori di abbigliamento non ci sono più. Lo spostamento doveva durare solo qualche settimana“.

I commercianti protestano perché vogliono capire il motivo di questo spostamento e chiedono all’Amministrazione Cavallone delle risposte concrete.

Vogliamo ritornare giù come prima – concludono -. Non ha senso fare due mercati, uno giù e l’altro sopra, tutti gli altri mercati in qualsiasi altro luogo sono uniti. Qui non sale nessuno. Dobbiamo vivere di questo e non veniamo a perdere tempo“.

– Annamaria Lotierzo –

3 Commenti

  1. Io nato nel 1972…avro visto spostare il mercato settimanale almeno 25 /30 volte…
    E mi domando… Ma e così difficile capire che forse l unica soluzione è trinità?
    Naturalmente implementando i sevizi navetta… O a più larghe vedute COSTRUIRE un apposito mercato comunale grande.. In grado di gestire un cospicuo numero di bancarelle con tutii i servizi annessi.. Dove magari gli stessi commercianti diventino consorziati tra loro e contribuiscono a creare all interno altri servizi… Magari una tavola calda… Magari un bar…magari un posto dove poter lasciare i bambini a giocare mentre si fa la spesa…

    • Bisogna pensare a Sala Consilina come quella di una volta, il mercato Salese deve restare nel centro della Città. Bisogna lottare per un unico scopo. Sala ha smesso di essere il comune capofila a causa di scelte scellerate.

  2. Questa è una delle tante trovate geniale di questi ammistratori che avete votato, e ancora finché non vanno a casa quante ne vedremo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*