Una delle più belle e rigogliose aree verdi della Campania è salva. Grazie alle battaglie, che abbiamo sempre sostenuto in prima persona, portate avanti per anni da attivisti e comunità locali, con il sostegno di imprenditori coraggiosi, il mega impianto di smaltimento rifiuti da 113mila tonnellate, che avrebbe dovuto sorgere nell’area industriale di Buccino, a ridosso della riserva naturale di Foce Sele-Tanagro, non sarà realizzato“.

Lo dichiara il consigliere regionale del Movimento 5 Stelle Michele Cammarano, alla luce della sentenza del Tar di Salerno che ha respinto il ricorso dalla società “Buoneco srl”. 

La decisione del Tar mette la parola fine a una vicenda che avrebbe avuto conseguenze devastanti per l’ambiente e l’economia locale – continua -. L’impianto in questione sarebbe stato costruito non solo in prossimità di un affluente del fiume Sele, con l’elevato rischio di inquinare l’intera piana, ma anche a ridosso di aziende per la trasformazione di prodotti alimentari. Nel nostro programma c’è l’impegno a valorizzare aree come questa, che intendiamo rilanciare e promozionare nell’ambito di un più ampio progetto di turismo ambientale e sostenibile, così da diversificare e rendere maggiormente appetibile l’offerta di una regione dal potenziale altissimo come la nostra”.

– Chiara Di Miele –


  • Articolo correlato:

19/2/2020 – Impianto trattamento rifiuti a Buccino, Regione dà il via libera alla Buoneco. Il Sindaco:”Ci opporremo”

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*