Dopo la notizia del provvedimento di sgombero degli immigrati presenti all’interno dell’Hotel Tanagro, nel comune di San Pietro al Tanagro, è arrivata la reazione da parte di Salvatore Filosa, responsabile della Cooperativa sociale “L’Impronta” di Santa Maria La Carità in provincia di Napoli.

La Cooperativa in questione gestisce l’accoglienza degli immigrati nella struttura grazie ad una convenzione sottoscritta con la Prefettura di Salerno dopo aver partecipato al bando di gara predisposto dall’Ufficio Territoriale di Governo. L’ordine di sgombero è arrivato dal Tribunale di Lagonegro in seguito ad una serie di violazioni riscontrate dal giudice che ha firmato il provvedimento.

immigrati san pietro al taangro2“Il nostro rapporto con l’Hotel Tanagro è di tipo alberghiero – ha dichiarato Filosa – e quindi non è mai cambiata la sua natura tanto è vero che la Prefettura utilizza anche strutture ricettive per la sistemazione di ospiti richiedenti asilo e ciò oltre la totale estraneità nel conoscere le reali vicende cittadine. Nel 2016 non si può ancora fare la differenza fra colori, nazionalità o culture e quindi una struttura non può perdere o aumentare valore solo dal tipo di ospite. Questo ci lascia increduli“.

Filosa poi sottolinea come, grazie alla presenza della Cooperativa è stato possibile assumere anche otto ragazzi con un regolare contratto di lavoro. “Oltre alla nostra preoccupazione per gli ospiti immigrati richiedenti asilo, ci preme soprattutto tutelare gli  8 giovani – conclude – che attualmente sono stati impiegati con un regolare contratto di lavoro; molto spesso si spera che i giovani non vadano via e pertanto chiediamo alla cittadinanza o comunque ai comuni limitrofi di aiutarci a trovare altre strutture anche più piccole così da poter mantenere il personale assunto e permettere la vera integrazione a questi ragazzi ed alle famiglie di immigrati”.

– Erminio Cioffi –


  • Articolo correlato

22/7/2016 – Immigrati nell’Hotel Tanagro. Il Tribunale ordina lo sgombero della struttura 


 

10 Commenti

  1. Sciacalli italiani che vedono questo dramma umanitario come un grosso affare dove poter fare soldi approfittando di una classe politica incapace e di scarsa qualità

  2. Bisogna comunque evitare che questi immigrati siano preda di sciacalli italiani

  3. Tonino B. says:

    E’ un problema enorme e trovare una giusta soluzione sarà difficilissimo, e siamo solo all’inizio purtroppo.

  4. Non si possono ospitare un numero così elevato di persone inoperose per un tempo indefinito senza un piano di integrazione

  5. ginofastidio says:

    Premetto di essere stato lì nel hotel, e questi sig.ri di colore erano gente tranquilla e non davano nessun tipo di fastidio nè ai residenti nè tantomeno ai collaboratori. Non capisco tutto questo odio e razzismo nel 21 secolo.. A posto di andare avanti, torniamo indietro. C’e un degrado in giro che sta arrivando a livelli assurdi. Ignoranza pura

    • ….”C’è un degrado in giro…che sta’ arrivando a livelli assurdi.Ignoranza pura…”
      Quasi quasi da dar FASTIDIO….
      Uoi sentirtelo dire alla SALESE?
      ….Ma va ti ngazza a dorme….
      E nu da’ fastiriu….!!!!!

  6. Vincenzo says:

    A Santa Maria la Carità credo che ci siano strutture ricettive per ospitarli. Oppure casa Renzi o meglio ancora a casa di Angelino Alfano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*