Il tribunale di Salerno ha dichiarato decaduto dalla carica di sindaco Vincenzo De Luca, viceministro alle Infrastrutture, per incompatibilità con l’incarico di governo.

La decisione del presidente Giulia Carleo si è appresa nella tarda mattinata di oggi.

Il tribunale, infatti, ha accolto il ricorso presentato nel luglio del 2013 dai parlamentari del Movimento 5 Stelle Andrea Cioffi, Silvia Giordano e Girolamo Pisano, “dichiarando sussistente la causa di incompatibilità in capo al dott. Vincenzo De Luca, eletto sindaco di Salerno nel maggio del 2011 e nominato sottosegretario di Stato il 3 maggio del 2013, causa di incompatibilità prevista dall’ art.13 della legge 148/2011” e conseguentemente “dichiara la decadenza dello stesso dalla carica di sindaco del comune di Salerno”

Sulla vicenda si era pronunciata nelle ultime ore l’Antitrust che era giunta alla conclusione che la carica di sindaco del comune di Salerno e quella di sottosegretario alle Infrastrutture e ai trasporti ricoperte da Vincenzo De Luca “sono incompatibili”.

Ho presentato appello all’ordinanza emessa in data odierna dal Tribunale Civile di Salerno – ha dichiarato De Luca – L’ordinanza, in base alla legge 150 dell’ 1/9/2011 Art. 22 Comma 8, resta pertanto sospesa”.

– redazione –


 

Commenti chiusi