Daniele Manzolillo, di Teggiano, è il nuovo Presidente provinciale delle ACLI, sede di Salerno – APS.

Ad annunciarlo è il presidente uscente Gianluca Mastrovito: “L’abbiamo chiamato di un Paese lontano, habemus Presidente – è il commento di Mastrovito – Con il dovuto riguardo mi piace salutare così l’elezione di Daniele Manzolillo avvenuta ieri sera nel corso del Consiglio provinciale, una bella e proficua esperienza di corresponsabilità, un momento importante della vita democratica e associativa del sodalizio salernitano che guarda avanti ma fa memoria del passato. Ho indicato con l’unanime consenso di tutti Daniele come mio successore alla guida del movimento, tra opzioni diverse e possibili, segno di vitalità nella formazione della classe dirigente”.

“L’ho voluto al mio fianco nell’ultimo mandato – spiega Mastrovito – perchè potesse cogliere la complessità di un movimento popolare di cui è ottimo testimone, per chi come lui viene da lontano, non si è reinventato all’abbisogna ma come me ha percorso una lunga strada di militanza a partire dall’anima associativa, il Circolo. E’ lì che si acquista il senso di tutto, che si coglie il sentimento altrui, è lì che si conoscono e frequentano i bisogni, le difficoltà, ci si confronta con le esperienze della vita, è lì che nascono i rapporti e si traducono anche in amicizia, è lì che si rafforza la fede, si matura il perdono o si elabora l’insuccesso. Luoghi generativi perchè lì non vivono gli apparati, ma le persone. Alle sue capacità umane e professionali ho riconosciuto una grande quantità di bene per l’associazione, fatta di uomini e donne, lavoratori e volontari, con il loro carico di pregi e limiti. Questi 8 lunghi anni di mandato hanno idealmente costruito un ponte con un passato importante, sono state tracciate altre rotte, nella necessaria discontinuità, ma non hanno perso l’orizzonte né tradito le mappe. Di certo abbiamo coinvolto altre e più persone a continuare un cammino per servire l’Associazione e non per servirsene”.

“Con la determinazione e passione di sempre – conclude il presidente uscente – continuerò a guidare i nostri servizi che costituiscono un modo e rappresentano lo stile con il quale le ACLI abitano i territori. Da vice Presidente, come ha voluto Manzolillo, farò da spalla perché dopo 76 anni anni di storia, le comunità a cui siamo vocati possano trovarci tonici e pronti ad accogliere le sfide future. A Dio piacendo, continueremo ancora insieme a percorrere un lungo tratto di strada che sarà accompagnato da molti: presidenti di struttura, collaboratori, dirigenti, soci, amici e simpatizzanti. Dopo tanta gavetta, insieme portavamo i pantaloni corti, è il tempo opportuno per accogliere con la giusta dignità e consapevolezza il compito oneroso del primus inter pares. Noi ci siamo, le Acli ci sono, auguri Presidente”.

– redazione –

 

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano