I numeri attuali della pandemia, la giusta preoccupazione creatasi tra la nostra gente, meriterebbero ben altre parole nei confronti di chi, da febbraio scorso, sta cercando di mettere in sicurezza la Campania. Il Presidente De Luca, come gli è stato riconosciuto ieri sera da Paolo Mieli, è stato uno dei pochi amministratori a mettere in guardia il Governo in merito ai rischi a cui il Paese andava incontro con il sopraggiungere della seconda ondata“. Sono queste le dichiarazioni di Leo Annunziata, segretario del Partito Democratico in Campania, in queste ore delicate per tutta la regione e dopo una serie di attacchi rivolti a Vincenzo De Luca anche da figure istituzionali importanti come il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio.

Senza scindere il pericolo pandemico dalle inevitabili ricadute economiche, – afferma il segretario dem –  il Presidente De Luca si è impegnato fin da subito a trovare soluzioni adatte a problemi che nessuno aveva previsto. Stupiscono quindi i frettolosi giudizi che in queste ore vengono espressi nei confronti di chi è in prima linea in questa battaglia. Delle narrazioni che si ascoltano in queste ore, alcune delle quali palesemente false, altre venate di un malcelato antimeridionalismo, nessuno ne sentiva il bisogno. Al contrario, la difficile situazione impone un linguaggio di verità che non lasci spazio a polemiche incomprensibili“.

Proprio perché siamo consapevoli dello sforzo che il Governo sta facendo in queste ore – prosegue Annunziata – non giovano a costruire un clima di comune responsabilità i toni di aggressione e propaganda politica adoperati da personaggi di spicco della maggioranza che lo sostiene. Non è questo il tempo per esternare un pregresso risentimento verso chi ha dimostrato, nelle ultime elezioni regionali, di godere del supporto della stragrande fiducia dei cittadini campani. Questo è il tempo delle decisioni: il nemico è il virus e non chi, non sottraendosi alle sue responsabilità e ai suoi doveri, lo sta combattendo”.

– Chiara Di Miele –

 

 

 

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano