L’on. Carmelo Conte, in occasione della presentazione del progetto Città-Parco presso la sede della Banca Monte Pruno a Sant’Arsenio,  lancia una sfida che “prescinde l’appartenenza politica”. Presidente della Fondazione Alario per Elea-Velia, è attualmente promotore di una strategia nazionale per il rilancio delle aree interne del Parco Nazionale Cilento, Vallo di Diano e Alburni.

D. – Onorevole Carmelo Conte, entriamo nel vivo della proposta

R. – “Entro il 10 febbraio verrà presentata un’istanza per trasformare l’area parco in una zona franca. Questa è l’unica via che può consentire uno sviluppo  sociale ed economico compatibile con l’ambiente ed agevolerebbe le imprese verdi dal punto di vista delle imposizioni delle tasse. Qui potrebbero ben integrarsi con il tessuto locale, caratterizzato dalla presenza di piccoli artigiani. Ci sono diverse tipologie di prodotti alimentari di eccellenza, piccole nicchie prive di una rete. L’ingresso di nuove e grandi imprese potrebbe garantire la costruzione di un network in grado di metterci sul mercato nazionale e internazionale”

D. – Quanta possibilità c’è che si concretizzi la proposta?

R. – “C’è tutta la sfrontatezza che contraddistingue la politica e i cittadini, sono certo che otterremo dei risultati. Bisogna vedere se li raggiungeremo in tempi brevi e con quali risultati, forse ci vorrà più tempo, ma credo che nell’arco 2014 – 2020 si possa compiere la realizzazione di questo progetto. Al centro di questo piano vi è la volontà di trasformare il Parco Nazionale Cilento, Vallo di Diano e Alburni in uno snodo centrale per tutto il Sud Italia, coinvolgendo anche Università e Centri di Studio. Una proposta concreta e compatibile con le risorse ambientali per impedirne altre come quella sul petrolio.  Il destino della più grande area protetta italiana, con i suoi 181 mila ettari di biodiversità si giocherà a breve con l’avvicendamento delle cariche, al momento resta una partita da seguire con tutte le premesse per essere avvincente”.

– Tania Tamburro –

  •  Articolo correlato

01/02/2014 – Sant’Arsenio: La Città Parco al centro dell’incontro presso la Banca Monte Pruno


 

Commenti chiusi