Non percepiamo redditi e stiamo attraversando un periodo a dir poco sconvolgente“. È questo il grido di allarme dei gestori delle strutture che ospitano asili nido e ludoteche in Basilicata.

L’emergenza sanitaria non ha risparmiato nessuno, e non mancano le difficoltà anche per quanto riguarda questi servizi socio educativi e per la prima infanzia.

Ad oggi – ha sottolineato Antonio Brienza, uno dei gestori in rappresentanza della categoria – raffiguriamo una realtà dimenticata da Governo e Regione, non abbiamo la minima idea sulla probabile data di riapertura, non percepiamo alcun reddito da quasi tre mesi, dal 5 marzo scorso, alcun fondo perduto istituito per far fronte alle spese ordinarie di gestione. Gli Asili nido stanno attraversando un periodo a dir poco sconvolgente. Il Governo pretende che essi restino chiusi per prevenire il contagio, ma, al contempo, apre numerosissimi esercizi in cui rispettare le norme di sicurezza è praticamente impossibile“.

Antonio Brienza gestisce una struttura in Val d’Agri.

Si pretende di tenere chiuse centinaia di migliaia di realtà educative, infischiandosene delle sorti del personale ivi operante e dei gestori ormai al collasso finanziario“, ha aggiunto Brienza, che ha fatto sapere di aver chiesto un incontro presso la Regione Basilicata e che a giorni dovrebbe essere ricevuto.

Numerosi educatori, ormai privi di speranze, minacciano gesti estremi che potrebbero avere ripercussioni anche gravi dal punto di vista umano.

Si parla – ha detto Brienza – della tanto delicata Fase 2, quando realtà educative annaspano faticosamente nella Fase 0 non avendo più risorse per restare in vita, e senza conoscere l’evoluzione della questione riapertura“.

Antonio Brienza ha infine annunciato: “Mi sto battendo per cercare una soluzione definitiva al lassismo riscontrato a livello regionale e nazionale, in modo da evitare la chiusura di aziende e perdita di posti di lavoro“.

– Claudio Buono –

Un commento

  1. Antonella Pignataro says:

    Abbiamo bisogno di chi ci rappresenti a livello nazionale…non abbiamo nessuno che ci tuteli. Stanno portando alla morte le nostre strutture frutto di anni ed anni di sacrifici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*