Il Comitato Pro Tribunale di Sala Consilina, in una lettera aperta inviata al sindaco, agli assessori e ai consiglieri comunali salesi, afferma di apprendere “con stupore che il Consiglio Comunale, convocato per oggi, discuterà del trasferimento della sede del Distretto Sanitario nei locali del Palazzo di Giustizia“.

Una soluzione definita dal Comitato “irrazionale e semplicistica, inutile e dannosa“. Secondo quanto si legge nella lettera, la soluzione sarebbe “inutile perché la sede del Tribunale, pur essendo di proprietà comunale, è gravata da un vincolo di destinazione per uffici giudiziari, dannosa perché, mentre si sta ancora lottando, almeno da parte di molti cittadini e pochi amministratori, per la riapertura del Nostro Tribunale, anche a seguito delle disponibilità dimostrate dal Ministro Orlando, che dovrà a breve adottare decisioni in merito, il Consiglio Comunale destinerebbe il Palazzo di Giustizia ad altro, dimostrando la propria irresponsabilità ed inaffidabilità e rendendo poco credibile e vano ogni ulteriore sforzo“.

Le sedi degli altri Tribunali soppressi sono tuttora vuoti e non utilizzati nella speranza di essere riattivati – continua il testo della missiva a firma del Comitato Pro Tribunale – noi, invece, frettolosamente  lo destiniamo ad altri uffici, prima ancora che il Ministro abbia definitivamente chiuso l’argomento; quale coerenza vi è in questi comportamenti? A meno che non sia solo una sceneggiata da parte di qualcuno“.

Riguardo, poi, alla sede da destinare al Distretto Sanitario il Comitato afferma che” si poteva, già da due anni, e si può ancora trovare altra valida soluzione. Il Comune ha spazi disponibili in vari plessi di sua proprietà o in sua disponibilità; bastava fare tutto a tempo debito, senza affidarsi ad inutili e costosi ricorsi al TAR. Si può ancora rispondere alle esigenze dell’ASL razionalizzando l’uso delle sedi dei due Municipi, dei plessi scolastici, dei locali in fitto, chiedendo, anche alla Provincia di Salerno di dare la disponibilità dei propri locali, completamente liberi, in via Giocatori, destinati a sede dell’Ufficio di Collocamento“.

Chiediamo in maniera accorata al Sindaco, agli Assessori e ai Consiglieri Comunali di sospendere la improvvida decisione in attesa di quella del Ministro Orlando – termina la lettera – e, comunque, di trovare altre soluzioni ancora possibili per il mantenimento a Sala Consilina della sede del Distretto Sanitario, non pregiudicando le residue speranze per la riapertura del Nostro Tribunale“.

– redazione – 


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*