Il caporalato non conosce crisi. Nemmeno il Covid lo frena. Lo dimostra l’ultima operazione dei Carabinieri nella Piana del Sele. Sarò ripetitivo, ma è così: va fatto un plauso al lavoro delle Forze dell’Ordine che non si ferma mai e porta alla luce questi episodi di sfruttamento“.

Così Ciro Marino, segretario generale della Uila Uil Salerno, alla luce dell’ultima operazione anti-caporalato avvenuta in provincia. Sono stati, infatti, scoperti, grazie al Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Salerno, 6 lavoratori in nero, di cui 5 extracomunitari, reclutati illecitamente e utilizzati in condizioni di sfruttamento dal titolare di un’azienda agricola.

Ritengo necessario che le istituzioni locali prendano atto delle denunce, avanzate dai sindacati in questi anni, circa la presenza di lavoratori ‘fantasma’ per lo Stato italiano, stipati in alloggi di fortuna e costretti a lavorare in situazioni massacranti – afferma Marino -. Azioni come queste sono indispensabili per mettere fine a questa piaga sociale che, in questo particolare momento di crisi legato all’emergenza Covid-19, oltre a danneggiare i diritti e la dignità dei lavoratori coinvolti, danneggia quelle aziende agricole che agiscono nel rispetto delle norme“.

Ecco perché serve che le istituzioni sblocchino l’inerzia progettuale e operativa sul fenomeno della lotta al caporalato – sottolinea -. Apprezziamo lo sforzo delle Forze dell’Ordine, che lavorano in sotto organico in provincia di Salerno, ma serve fare di più. Non è possibile che chi abbia commesso tutto questo sia a piede libero e non arrestato. C’è la flagranza di reato e dunque deve avvenire questo. Bisogna agire subito per tutelare le aziende sane che rispettano le regole“.

– Paola Federico –


  • Articolo correlato:

28/04/2021 – Lavoratori in nero e clandestini sfruttati in un’azienda agricola della Piana del Sele. Denunciato il titolare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*