Michele Pecora sarà cittadino onorario di Agropoli. Il titolo sarà conferito durante il Consiglio comunale di venerdì 5 novembre.

La proposta era stata lanciata lo scorso agosto dal sindaco Adamo Coppola, a margine di un apprezzatissimo concerto tenuto dal cantautore presso il Castello Angioino Aragonese. L’idea fu accolta tra gli applausi del pubblico agropolese che, anche se a distanza, negli anni ha sempre seguito con interesse ed orgoglio la sua carriera.

Nato ad Agropoli nel 1958 e successivamente trasferitosi nelle Marche, Michele Pecora non ha mai dimenticato le sue radici. Debuttò come cantante vincendo il Festival di Castrocaro nel 1977 con il brano “La mia casa”, dedicato proprio alla sua abitazione di Agropoli.

Tanti i successi nella sua carriera: nel 1979 si consacrò con un 45 giri contenente “Era Lei”, l’anno successivo, invece, partecipò al Festivalbar con “Te ne Vai”, canzone scritta da Zucchero.
Nel 1995 calcò il palco di Sanremo come Direttore d’orchestra della cantante Lighea. Più di recente è stato protagonista su Rai 1 con “Ora o mai più” risultando vincitore con l’inedito “I Poeti”. Oggi alterna l’attività di interprete con quella di talent scout e autore. Tra i brani che portano la sua firma c’è anche “Il canto dei delfini”, inno ufficiale dell’Unione Sportiva Agropoli 1921, presentato ufficialmente lo scorso ottobre.

Michele Pecora è un figlio di Agropoli che ha dato lustro a questa città – ha ricordato il sindaco – benché si sia trasferito altrove da giovanissimo, ha sempre mantenuto un forte legame con la sua terra natia. Lo dimostrano i brani che ha dedicato ad Agropoli, che ancora oggi ascoltiamo con grande emozione. Attribuirgli la cittadinanza onoraria era un atto dovuto”.

La cerimonia di conferimento della cittadinanza onoraria si terrà presso l’aula consiliare “Alfonso Di Filippo”. In quell’occasione Michele Pecora intonerà alcuni brani del suo repertorio.

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano