cavallone imparato pellegrinoSi terrà oggi pomeriggio, alle ore 18:00,  presso l’Aula Consiliare del Comune di Eboli, l’assemblea pubblica “Condivisione e Partecipazione” , indetta dal primo cittadino Martino Melchionda, a favore del welfare e dei piani sociali di zona. L’obiettivo principale è quello di fare in modo che la Regione Campania non azzeri le politiche sociali.  I Piani Sociali di Zona della Regione Campania, difatti, sono ancora in attesa dei fondi e delle indicazioni operative per programmare il Piano Sociale Regionale 2013-2015 e il riparto delle risorse per l’anno 2013. Nel frattempo, gli Ambiti Sociali hanno provveduto a presentare la programmazione, così come previsto dalla note operative del competente settore regionale.

Saranno presenti 15 primi cittadini della provincia di Salerno, del Vallo di Diano andranno: il sindaco di Sala Consilina, Francesco Cavallone, il sindaco di Sassano, Tommaso Pellegrino ed il sindaco di Padula Paolo Imparato. Saranno inoltre presenti il sindaco di Acerno Vito Sansone, il sindaco di Agropoli Franco Alfieri, il sindaco di Albanella Renato Iosca, il sindaco di Bellizzi Mimmo Volpe, il sindaco di Bellosguardo Giuseppe Parente, il sindaco di Baronissi Gianfranco Valiante, il sindaco di Buccino Nicola Parisi, il sindaco di Fisciano Tommaso Amabile, il sindaco di Giffoni Valle Piana Paolo Russomando,  il sindaco di San Gregorio Magno Gerardo Malpede, il sindaco di Sapri Giuseppe del Medico, il sindaco di Sarno Giuseppa Canfora.

La Regione Campania – dichiara il Sindaco di Eboli, Martino Melchionda – ha letteralmente abbandonato i cittadini, dimenticando che esistono sui territori servizi essenziali destinati alle persone anziane, ai disabili, alle famiglie e ai minori, che non possono aspettare i tempi ‘regionali’.

“Ad oggi – spiega l’assessore alle Politiche Sociali Annarita Bruno – la Regione Campania non ha provveduto ad emanare le note operative con il relativo riparto di risorse per l’anno 2014 e molti servizi sono di fatto senza copertura economica tra cuiassistenza domiciliare sociale ed integrata anziani, assistenza domiciliare sociale ed integrata disabili, assistenza specialistica alunni con disabilità nelle scuole, centro famiglia, centro socio – educativo disabili, misure di contrasto alla povertà, rette servizi semiresidenziali e residenziali minori, anziani, disabili, assegni di cura malati di sla, contributi ex onmi – minori riconosciuti da un solo genitore, ludoteche per la prima infanzia, centro diurno  minori, servizi di integrazione sociale disabili, segretariato sociale, servizio sociale professionale”.

– redazione –


 

Commenti chiusi