Legambiente lancia un SOS sulla depurazione delle acque con il bilancio di “Goletta Verde 2014“, il laboratorio mobile che, su 264 campioni analizzati, ha riscontrato il 55% fuori legge per i parametri microbiologici previsti dalla normativa. In sostanza si tratterebbe di un punto inquinato ogni 51 km di costa. 124 sono i campioni inquinati prelevati presso foci di fiumi, canali e scarichi sospetti, mentre sono 22 quelli relativi alle spiagge frequentate dai turisti.

A compromettere la salubrità delle acque marine è ancora una volta la mancata depurazione, che riguarda un italiano su tre. A riversare nei mari e nei fiumi il maggior apporto inquinante sono la Campania (con 2,5 milioni di abitanti serviti da inadeguati sistemi depurativi), che così conquista la maglia nera per quanto concerne la depurazione, seguita da Lazio, Lombardia e Puglia. La Campania si distingue in negativo anche per i dati relativi all’illegalità in mare: cemento lungo le coste, scarichi illegali, pesca di frodo, acqua scooter non a norma. 2419 infrazioni, pari a 5,2 infrazioni per ogni km di costa, con 2643 persone denunciate e arrestate e 784 sequestri effettuati. Per quanto riguarda l’abuso di cemento, il “mattone illegale” continua a imperversare lungo le coste campane e in modo particolare nel Cilento. La Campania, seconda solo a Puglia e Sicilia, ha all’attivo in questo caso 363 reati accertati, 211 sequestri e 421 persone denunciate e arrestate per reati legati alla cementificazione lungo le coste.

La Campania da anni è gravata da una pesante carenza depurativa – afferma il presidente di Legambiente Campania Michele BuonomoLa Regione ha programmato una serie di specifici Grandi Progetti per investimenti pari ad oltre 500 milioni di euro, ma non dispone ad oggi di strumenti che costituiscono una precondizione fondamentale per affrontare correttamente la problematica e cioè il Piano di Tutela delle Acque e i Piani  di Ambito Territoriale Ottimale nè ha ancora provveduto alla riorganizzazione dei Servizi Idrici con un’apposita legge“.

– redazione –


 

 

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*