“Quale fu l’unica colpa? Essere italiani. Per troppo tempo la dolorosa e criminale pagina dei massacri delle Foibe è stata dimenticata”.

A dichiararlo è Edmondo Cirielli, Questore della Camera e deputato di Fratelli d’Italia in merito al Giorno del ricordo in memoria di tutte le vittime delle Foibe.

“Un silenzio voluto dai regimi comunisti con la complicità della sinistra italiana – continua Cirielli – Oggi dobbiamo squarciare il velo, senza paura, su quello sterminio. Lo dobbiamo ai 20mila italiani uccisi tra il 1943 e il 1947, ai 250mila esuli italiani che furono costretti a lasciare le loro case e i loro familiari. Ma, soprattutto, lo dobbiamo alla storia della nostra Patria che deve ritrovare verità e giustizia rendendo omaggio ai nostri connazionali uccisi dal terribile disegno di pulizia etnica del maresciallo Tito”.

– Claudia Monaco –

Un commento

  1. “Politica e camorra: indagato Edmondo Cirielli. Il deputato di Fratelli d’Italia ed ex presidente della Provincia di Salerno è indagato per corruzione aggravata e abuso d’ufficio aggravato per scambio politico-mafioso. L’informazione di garanzia, notificata questa mattina al colonnello dei carabinieri da tempo in politica, è stata firmata dal pm antimafia di Salerno, Vincenzo Montemurro. Secondo l’accusa Cirielli avrebbe beneficiato dei favori e dell’interessamento di un pregiudicato legato alla “Nuova Famiglia”, Giuseppe Fabbricatore di Nocera Superiore, per fare incetta di tessere nel 2011, nell’ambito dello scontro interno nel Pdl con Mara Carfagna. In cambio di questo favore, Cirielli, secondo l’accusa, avrebbe bandito e fatto vincere un concorso per funzionario direttivo alla moglie del pregiudicato, Assunta Manzo. Nella stessa inchiesta sono stati iscritti nel registro degli indagati altri 24 soggetti tra amministratori locali, imprenditori e dirigenti Pdl”. Sono notizie che pure vanno detto. O no?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*