Si è insediato sabato sera il consiglio comunale di Gioi. Il sindaco Andrea Salati, riconfermato per altri cinque anni, ha giurato davanti a una folta platea di cittadini. Nel corso dell’intervento in cui ha delineato le linee programmatiche valide per il prossimo quinquennio amministrativo il primo cittadino ha affermato di essere ancora più motivato “perchè convinti che abbiamo operato bene fin qui avendo la giusta esperienza e professionalità per farlo, come ci è riconosciuto nell’intero territorio. Con questa convinzione sapremo portare a termine quanto programmato e sapremo realizzare le cose migliori nel presente e nel futuro per essere vicini e venire incontro alle esigenze della comunità tutta”. Obiettivi del nuovo percorso del sindaco Salati sono il completamento della Casa Albergo per anziani, l’ultimazione dei sentieri della Serra, la riqualificazione del Convento di San Francesco, il ripristino dei ponti all’ingresso del capoluogo e della frazione, l’edilizia scolastica, l’area cimiteriale, il Museo Risorgimentale e una particolare attenzione al settore rifiuti (isola ecologica e bonifica della dismessa discarica), ma anche ai servizi sociali, alla Protezione Civile e alla metanizzazione.

Durante il consiglio sono poi state ufficializzate le cariche che verranno ricoperte dai consiglieri. Carmelo D’Amato e Valerio Rizzo (anche vicesindaco) saranno gli assessori, delegati all’Agricoltura, Artigianato, Commercio, Quotidiano, Manutenzione, Scuola e Aree cimiteriali saranno Nicola Nastasi per Cardile e Florenzo Pagano per Gioi e Enza Gogliucci delegata alle Politiche Sociali e Pari Opportunità. Il capogruppo per la maggioranza è Generoso Mastrogiovanni, mentre per la minoranza Andrea Maio. Al consigliere Francesco Gompone Salati afferma di aver lasciato libertà di movimento, anche se si occuperà di Lavori Pubblici e Bilancio.

Dello Staff del Sindaco faranno parte Francesco Pascale (portavoce e coordinatore), Vincenzo Rizzo (delegato alle Politiche Giovanili, Sport, Turismo e rapporti con le associazioni), Raffaele De Marco (delegato Territorio e Ambiente), Barbara Parrillo (supporto alle Politiche Sociali e Pari Opportunità) e Michele Scarpa.

– redazione –


 

Commenti chiusi