Di fronte al preoccupante aumento dei furti, le aree interne degli Alburni provano a individuare delle linee guida per fronteggiare il problema. Alcuni sindaci stanno tentando di trovare una risposta alla crescente richiesta di aiuto della popolazione locale, sempre più spaventata.

Il sindaco di Roscigno, Pino Palmieri, ci ha fornito delle delucidazioni in merito.

  • D. – I furti nelle abitazioni sono in aumento, cosa sta avvenendo?

R. – “La crisi economica ha incrementato i furti in tutta Italia, inclusi i territori dei nostri piccoli comuni del Cilento e Vallo di Diano. Purtroppo, anche la sfiducia del cittadino nelle istituzioni è aumentata, infatti tante vittime della microcriminalità non sporgono denuncia all’Autorità Giudiziaria. Quindi, i dati in possesso della Prefettura sui reati, molte volte, non rispecchiano la realtà.”

  • D. –  Alcuni comuni, come Roscigno,  stanno tentando di individuare una strategia unica. In che direzione state andando?

R. – “In questo momento storico bisogna unirsi, da soli non andiamo da nessuna parte. In qualità di sindaco di Roscigno insieme ai comuni di Sacco, Corleto Monforte, Ottati, Castelcivita e Laurino vogliamo creare una rete tra i vari Comandi di Polizia Urbana e collaborare in modo capillare con le Forze dell’Ordine. Lo scorso 26 giugno insieme ad alcuni sindaci degli Alburni ci siamo ritrovati presso la sede della Comunità Montana Alburni per discutere un piano integrato di vigilanza e per la sottoscrizione di un protocollo di intesa con il Prefetto di Salerno. Io stesso, in qualità di Sindaco di Roscigno, mi farò carico di seguire il progetto e un iter normativo per raggiungere il risultato sperato. C’è tanto da fare e poco da dire”.

Tania Tamburro –


Un commento

  1. vanda lucidi says:

    Quando si fa della buona politica in maniera responsabile e trasparente i risultati non tardano a venire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*