Il valdianese Mirko Resciniti responsabile di Lega Consumatori Salerno - Info CilentoA seguito dell’emergenza Covid, con una serie di ordinanze del Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca lo scorso marzo fu istituita la cosiddetta “zona rossa” nei comuni valdianesi di Sala Consilina, Auletta, Caggiano, Polla e Atena Lucana. Dopo una prima e grave esclusione dai fondi del Decreto Rilancio per le zone rosse, con una successiva modifica il Governo ha provveduto ad estendere le risorse prestabilite a tutti i comuni che nei mesi scorsi hanno subito maggiormente gli effetti della pandemia, compresi quelli valdianesi.

Circa 1 milione di euro a disposizione del tessuto economico e sociale dei cittadini valdianesi. Per le Amministrazioni Comunali interessate è il momento di concretizzare le promesse fatte ai cittadini e alle imprese in difficoltà. C’è bisogno di una boccata d’ossigeno a sostegno di commercio, professionisti, associazionismo, cultura e spettacolo“. Lo afferma il Presidente Provinciale di Lega Consumatori, Mirko Resciniti che lancia una larga proposta: “Servono bandi per contributi a beneficio delle partite Iva, delle attività commerciali ed artigianali. Uno potrebbe riguardare l’integrazione del canone di affitto”.

Per Resciniti “va riconosciuto sostegno al terzo settore, il vero welfare territoriale, con agevolazioni alle associazioni che svolgono attività che coinvolgono persone svantaggiate, persone con disabilità, anziani e non ultimi i bambini. C’è il rischio di dover rinunciare ad importanti progetti di valore sociale se nella contribuzione saranno lasciate sole le famiglie già provate dalla crisi che si respira“.

Riguardo alla cultura e allo spettacolobisogna aprire tavoli di dialogo tra interessati ed enti pubblici così da destinare le giuste risorse che andranno attribuite mediante la coprogettazione”.

Infine, non in via emergenziale ma nell’ottica di una prospettiva futura, per il presidente provinciale di Lega Consumatori “è bene destinare risorse a favore delle imprese giovanili ed innovative che creino occupazione sul territorio, per progetti che possano creare nuove attività o rinforzare le esistenti. Questa è parte della ricetta che ci sentiamo di proporre alle istituzioni e agli enti che saranno chiamati a gestire le risorse in quella che ci auguriamo essere una fase di ripartenza. Restiamo a vostra disposizione per una fattiva collaborazione“.

– Chiara Di Miele –

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano