Dal 2 maggio al 24 luglio sarà possibile inviare o modificare la propria dichiarazione dei redditi precompilata che è online e che interessa milioni di contribuenti. Anche quest’anno ci sono alcune novità, tra cui una serie di nuove agevolazioni. Non c’è più il 2×1000 destinato cultura, ma entrano sconti Iva per chi ha acquistato una casa ecologica e le detrazioni per le spese legate alla videosorveglianza o per il controllo a distanza dell’impianto di riscaldamento.

Quella di quest’anno è la prima dichiarazione dei redditi che recepisce gli effetti della legge sulle unioni civili. “Le parole ‘coniuge’, ‘coniugi’ o termini equivalenti – è scritto nelle istruzioni della dichiarazione – si intendono riferiti anche ad ognuna delle parti dell’unione civile tra persone dello stesso sesso“. I capitoli su cui l’impatto è immediato sono quelli delle spese di ristrutturazione o dei bonus per i mobili delle giovani coppie.

E’ riconosciuto un credito d’imposta per le spese sostenute nel 2016 per la videosorveglianza domestica e la detrazione del 65% delle spese sostenute per l’acquisto e la messa in opera di dispositivi multimediali per il controllo a distanza degli impianti di riscaldamento, acqua calda e climatizzazione.




Alle giovani coppie in cui uno dei due non ha più di 35 anni e che nel 2015 o nel 2016 hanno acquistato un immobile da adibire ad abitazione principale, è riconosciuta la detrazione del 50% delle spese sostenute per l’acquisto di mobili nuovi destinati all’arredo fino a 16.000 euro.

Nella dichiarazione precompilata di quest’anno sono inoltre previste meno tasse per i dipendenti che hanno ricevuto un premio di risultato non superiore a 2.000 euro lordi, mentre per i lavoratori che si sono trasferiti in Italia concorre alla formazione del reddito complessivo soltanto il 70% del reddito di lavoro dipendente prodotto in Italia.

Per le erogazioni liberali fino a 100.000 euro effettuate nel 2016 in favore degli istituti scolastici è riconosciuto un credito d’imposta del 65% delle erogazioni effettuate che sarà diviso in tre quote annuali dello stesso importo. Tra le spese da detrarre anche quelle sostenute per le gite scolastiche.

Altri sconti da quest’anno per le spese assicurative a tutela dei disabili gravi e per le donazioni fatte verso trust o fondi speciali che operano in loro favore, oltre alle detrazioni del 19% per i canoni di leasing e la possibilità di detrarre l’Iva pagata per l’acquisto di abitazioni in classe energetica A o B.

– Chiara Di Miele –

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*