Continua al Tribunale di Potenza il processo a carico dei 45 indagati nell’ambito dell’indagine “Febbre dell’oro nero”, che ha portato, il 12 aprile dello scorso anno, all’esecuzione di due ordinanze applicative di 45 misure cautelari nei confronti di altrettanti indagati.

Martedì nel capoluogo lucano si è tenuta la seconda udienza, dopo quella dello scorso 15 dicembre. Durante l’udienza sono stati sentiti sedici indagati. Si continuerà a sentire altri indagati nelle udienze già fissate per il 9 e il 15 febbraio.

L’indagine, lo ricordiamo, è stata condotta dai Comandi Provinciali dei Carabinieri, della Guardia di Finanza di Salerno e dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Taranto, su delega delle Direzioni Distrettuali Antimafia di Potenza e Lecce. Un’indagine congiunta che ha portato alle accuse, a vario titolo per gli indagati, di associazione a delinquere finalizzata alla commissione di frodi in materia di accise ed IVA sugli olii minerali, intestazione fittizia di beni e società, riciclaggio, autoriciclaggio e impiego di denaro di provenienza illecita. Indagine che riguarda principalmente il Vallo di Diano, dove, secondo gli investigatori, sarebbero nate distinte ma collegate organizzazioni criminali che avrebbero operato così come nella provincia di Taranto.

Alcune organizzazioni sarebbero riconducibili al clan dei Casalesi e ai clan tarantini. Durante le indagini è emerso che il core business dell’organizzazione si basava sul contrabbando di idrocarburi che ha causato allo Stato danni economici per decine di milioni di euro.

Sedici indagati sono comparsi davanti al Giudice per le Udienze Preliminari di Potenza, Salvatore Pignata, che ha disciplinato anche la trattazione delle varie udienze. La prossima, quindi, si terrà il 9 febbraio e sei giorni dopo, il 15, di nuovo in aula per completare l’escussione di tutti gli indagati che dovranno comparire davanti al Tribunale.

  • Articolo correlato:

16/12/2021 – Febbre dell’oro nero. Al via a Potenza il processo dopo il blitz che ha interessato il Vallo di Diano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.