L’allergia è un disturbo del sistema immunitario caratterizzato da reazioni esagerate a sostanze comunemente chiamate allergeni. Queste sostanze possono essere di origine alimentare, ma più spesso vengono respirate nell’ambiente, com’è nel caso dei pollini, dell’acaro della polvere o ancora dei peli di determinati animali. In tutti i casi l’allergia è provocata da un meccanismo che coinvolge anticorpi della classe IgE e alcune cellule contenenti il mediatore chimico delle reazioni allergiche, l’istamina.

Le manifestazioni allergiche variano da forme di orticaria, più o meno transitorie, a fastidiosi riniti e congiuntiviti, frequenti soprattutto in primavera ed estate oppure ancora a più importanti crisi di asma.

La diagnosi si basa su alcuni test ematici, come il PRIST, che valuta il livello di IgE totali nel sangue, o il RAST, che rileva, invece, la presenza di alti livelli di IgE specifiche per un allergene. Ma il test principale è quello cutaneo, il “Prick-Test“, con il quale si pone in contatto una minima quantità di allergene con la cute lievemente scarnificata.

La medicina tradizionale tratta le allergie essenzialmente cercando di allontanare la persona dalla sostanza che le scatena e somministrandole al contempo farmaci che hanno lo scopo di attenuare i sintomi, come antistaminici e cortisonici. Ci sono, però, anche molti rimedi naturali utili.

Nella prevenzione è importante il gemmoderivato di Ribes nero che viene impiegato per la sua potente proprietà antinfiammatoria e antistaminica che agisce sia a livello cutaneo, che delle vie respiratorie; è quindi indicato in caso di riniti allergiche e croniche, asma, bronchiti, laringiti, faringiti, dermatiti e congiuntivite. Ha inoltre un’azione immunostimolante, combatte la stanchezza e aumenta la resistenza. Utile anche l’azione del gemmoderivato del Viburno, che esercita un’azione specifica di modulazione neurovegetativa polmonare. È indicato per sedare la tosse e inibire lo spasmo bronchiale.

Diversi sono anche i rimedi omeopatici utili contro le manifestazioni allergiche. Allium Cepa si usa nelle forme allergiche che coinvolgono le vie respiratorie superiori e gli occhi, dove prevale però una secrezione abbondante ed escoriante i margini del naso e una lacrimazione ugualmente abbondante, ma non irritante, il tutto peggiorato la sera e in ambienti chiusi; Euprhasia, quando sono prevalenti i fenomeni oculari, associati però a lacrimazione irritante, questa volta, e intensa fotofobia. Apis è utile in caso di manifestazioni di arrossamento della cute associate ad intenso prurito, che è migliorato dalle applicazioni fredde, mentre Urtica Urens quando invece i sintomi locali sono aggravati dal contatto con bagni e applicazioni fredde.

Bibliografia: www.cure-naturali.it – www.paginemediche.it – www.starbene.it


  Farmacia 3.0 – Rubrica a cura del dott. Alberto Di Muria

Un commento

  1. Il ribes nigrum è controindicato per chi è iperteso?
    Ha controindicazioni?
    Grazie

Rispondi a Erminia Cancel

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*