“Si è riunito, per la prima volta dal suo insediamento, l’ufficio di presidenza della Commissione speciale regionale Aree Interne”.

A darne l’annuncio è il presidente della III Commissione speciale Aree Interne Michele Cammarano, a margine della riunione dell’ufficio di presidenza nel corso della quale ha illustrato la relazione programmatica.

“Con il vicepresidente Livio Petitto e il segretario Luigi Abate siamo al lavoro per definire un primo cronoprogramma di sopralluoghi e audizioni che calendarizzeremo fin dai prossimi giorni – ha dichiarato – Dobbiamo partire da una premessa ovvero che la Regione Campania è quella che in Italia presenta i contrasti demografici più drammatici fra aree interne e urbane, con contesti sovrappopolati fra i più densi d’Europa che fanno da contraltare a territori rurali, prevalentemente montani, in forte decadimento sociale ed economico”.

 “Parliamo di aree che si caratterizzano per un crescente tasso di spopolamento e per non pochi disagi connessi all’accesso ai servizi di base, alla mancata garanzia di un’adeguata assistenza sanitaria, alle scarse opportunità di occupazione e reddito, passando per il dissesto idrogeologico e il degrado del patrimonio culturale e paesaggistico. La sfida di questa Commissione – ha precisato Cammarano – è tramutare zone di abbandono in motore trainante per l’intera regione, sfruttando al massimo le risorse e le enormi potenzialità che hanno. La priorità è ora individuare le criticità maggiori e promuovere azioni tese al loro superamento”.

– Claudia Monaco –

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano