E’ andato anche nelle mani della dottoressa Veronica La Regina di San Rufo il Premio Masaniello – Napoletani Protagonisti giunto quest’anno alla 16^ edizione che si è svolta sabato sera nel Teatro Sannazzaro di Napoli.

La dottoressa La Regina lavora da anni nel settore spaziale e oggi è amministratore unico della Nanoracks Europe a Torino. Ha ricoperto vari ruoli di prestigio, tra cui quello di esperta di business ed innovazione presso il Centro Tecnologico (ESTEC) dell’Agenzia Spaziale Europea a Noordwijk, in Olanda. Ha lavorato all’Agenzia Spaziale Italiana, è systems engineer, economista e giurista, conseguendo i titoli accademici sia presso Atenei italiani che stranieri, tra cui la Midi-Pyrénées School of Economics di Tolosa, il Boston College, la LUISS, l’Università Sapienza e Tor Vergata di Roma e l’Università Statale di Milano.

Il Premio Masaniello è stato istituito 16 anni fa con l’idea di dare visibilità all’operato dei napoletani e dei campani nel mondo. Il tema di quest’anno è stato “Lassù tra le stelle dove lievitano nuvole di sogno“, lo spazio extratmosferico dunque, per affermare i traguardi raggiunti da protagonisti della corsa nel cosmo, come i membri del team della Missione READi appena di ritorno da Cape Canaveral.

Veronica La Regina è stata nominata per aver fornito il servizio di lancio dell’esperimento READi FP. L’esperimento è stato condotto a bordo di una strumentazione di proprietà di Nanoracks Europe: il bio collagene che si estrae dai vitigni di Aglianico potrebbe diventare una cura per l’osteoporosi e l’esperimento è stato condotto a bordo della Stazione spaziale internazionale. In questo modo potrà diventare parte integrante dell’alimentazione degli astronauti, particolarmente esposti all’invecchiamento e all’indebolimento delle ossa.

Una grande emozione, dunque, quella provata dalla dottoressa La Regina nel ricevere l’ambito riconoscimento napoletano. Un conferimento che inorgoglisce anche San Rufo e l’intero Vallo di Diano che, ancora una volta, possono vantare una figlia di questa terra la quale, in Italia e all’estero, ha saputo distinguersi e portare alto il nome di un piccolo territorio capace di educare e far crescere tanti validi professionisti.

 

Un commento

  1. Francesco Argento says:

    Complimenti per l’articolo. Sempre chiaro ed esaustivo, un piacere seguirvi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano