Bloccati i licenziamenti per 29 dipendenti della Ergon e prorogata per 36 mesi, fino al 2018, la cassa integrazione.

Ad annunciarlo è il commissario liquidatore del Consorzio di Bacino Salerno 3 Vittorio Esposito.

La cassa integrazione per i lavoratori della società che si occupa della raccolta e dello smaltimento dei rifiuti per conto di molti Comuni del sud della provincia di Salerno sarà operativa dal 17 agosto.

“Abbiamo siglato un documento di accordo per la cassa integrazione abbiamo così preso altri 36 mesi per quegli operai che erano soggetti al licenziamento. Sono stati giorni di fuoco durante i quali ci sono stati momenti anche tesi durante le trattative – ha spiegato Vittorio Esposito – ma alla fine il buon senso ha prevalso e siamo riusciti a trovare una soluzione che ci ha permesso di scongiurare i licenziamenti e guadagnare tempo per poter trovare una soluzione definitiva per le posizioni dei dipendenti della Ergon”.

La cassa integrazione sarà applicata a rotazione tra i 29 dipendenti. Esposito ha mantenuto la promessa fatta qualche settimana fa, quando i dipendenti avevano ricevuto la lettera di licenziamento.

In quella circostanza aveva annunciato che avrebbe fatto di tutto per bloccare i licenziamenti e così è stato. I dipendenti della Ergon avevano ricevuto la comunicazione di licenziamento a metà luglio.

– Erminio Cioffi –


Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano