“La Regione Basilicata è in questo momento l’unica in Italia ad aver avviato in modo sistematico e diffuso in tutto il territorio, attraverso i medici di medicina generale, uno screening a tappeto per individuare le persone affette dal virus C”.

Lo ha detto l’assessore regionale alla Salute, Rocco Leone, intervenuto alla Tavola rotonda sul tema “Alleanza contro le epatiti fase II: cronoprogramma e modalità operative pro screening HCV”.

“La campagna che abbiamo voluto interesserà 300mila lucani: si parte dalla classe 1940 e si arriva ai nati nel 1989 – spiega – L’allargamento della corte, che ha richiesto ovviamente un ulteriore investimento economico, ci consentirà di individuare il virus anche fra le persone più giovani consapevoli che quando compaiono i sintomi si è ormai cronicizzato nella maggior parte dei casi. Ecco perché abbiamo deciso di allargare lo screening con il prezioso coinvolgimento dei medici di medicina generale. Con loro abbiamo siglato un accordo specifico. In questi giorni stiamo consegnando i kit per la campagna a tappeto per individuare precocemente le persone affette dal virus C. I soggetti positivi saranno inviati dall’epatologo per iniziare l’iter diagnostico e eventualmente terapeutico”.

“Pertanto la Basilicata è molto presente con investimenti specifici e mirati dando un servizio importante alla comunità sapendo che la presenza del virus C può essere molto invalidante. E sappiamo bene che – ha concluso Leone – arrivare in tempo alla individuazione della malattia può salvare tante vite umane”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.