Emozione e fede a Vietri di Potenza per la Peregrinatio della Madonna di Viggiano









































Sono stati giorni emozionanti e ricchi di iniziative quelli vissuti a Vietri di Potenza dove la Madonna di Viggiano, scortata dai portatori, è arrivata nel pomeriggio di giovedì nel piazzale della Madonna di Lourdes alla presenza di centinaia di fedeli, rappresentanti delle istituzioni civili e militari e diversi parroci dell’area.

Dopo l’accoglienza, la processione verso la Chiesa Madre già piena di fedeli in attesa dell’ingresso della Madonna. Poi la santa messa celebrata da don Mario Gioia e dal Vescovo S.E. Mons. Salvatore Ligorio.

Durante la santa messa il sindaco di Vietri, Christian Giordano, è prima intervenuto e poi ha donato alla protettrice della Lucania la fascia tricolore riportante lo stemma del Comune. Un gesto emozionante accompagnato da un lungo applauso. Nei giorni di venerdì e sabato c’è stato il saluto degli alunni delle scuole di Vietri e la supplica alla Madonna, oltre al Santo Rosario. Venerdì sera la veglia di preghiera dei giovani, sabato sera quella delle famiglie.










Nella mattinata di oggi la Santa Messa presieduta da don Paolo D’Ambrosio, rettore del Santuario di Viggiano. Dopo la supplica alla Madonna, la statua è stata portata a spalla in viale Tracciolino per l’atto di consacrazione al paese, accompagnata da una grande folla.

Lungo il viale l’Amministrazione comunale ha omaggiato la Madonna scoprendo una epigrafe a Lei dedicata.

Dopo il saluto, la Madonna a bordo del mezzo ufficiale adibito al suo trasporto si è trasferita a Buccino, ultima tappa della Peregrinatio Mariae 2019.

Quest’anno il programma ha visto la partenza da Viggiano domenica 6 ottobre per arrivare a Tito dove la Madonna è rimasta fino a giovedì pomeriggio.

Poi il trasferimento a Vietri di Potenza, accolta nella comunità per quattro giorni fino ad oggi.

In ultimo il trasferimento a Buccino per poi fare rientro nella serata di domani a Viggiano.

– Claudio Buono –





































Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*