“A seguito, dunque, dei tanti appelli, proposte, allarmi che quotidianamente si rincorrono, considero mio dovere fare chiarezza. All’indomani della dichiarazione della zona rossa che ha interessato i comuni di Sala Consilina, Atena Lucana, Polla e Caggiano, considerata l’enorme e giustificata preoccupazione di tutti noi per una situazione esplosa all’improvviso, era, infatti, necessario attrezzare ad horas un’area Covid e garantire ai primi casi, già numerosi, un’assistenza rapida ed efficace. Era necessario fronteggiare nel modo migliore ma anche più rapido possibile un’emergenza che ha lasciato ben poco tempo a possibili indecisioni”.

Così il Sindaco di Polla, Rocco Giuliano, in una missiva indirizzata a tutti i primi cittadini del Vallo di Diano.

“Con l’Assessore Corrado Matera, nostro riferimento nel Governo Regionale – spiega – i dottori Luigi Mandia, Luigi De Angelis e Domenico Loviso, il componente della conferenza dei sindaci dell’Asl Michele Di Candia e il collega Donato Pica, abbiamo immediatamente sottoposto al vaglio di valutazioni temporali e funzionali le due ipotesi: Polla e Sant’Arsenio. La non funzionalità dell’ospedale di Sant’Arsenio, le carenze strutturali e il tempo eccessivo che una operazione di questo tipo avrebbe comportato ci ha convinti a puntare su Polla. A dispetto di quanto si dica, in pochissimo tempo e con un enorme lavoro, si è riusciti ad approntare un’area Covid 19, una sala parto riservata alle gestanti affette da Coronavirus e un’area riservata ai dializzati che hanno contratto il virus. All’esterno della struttura ospedaliera è stato allestito un percorso dedicato con tende e container pre-triage. II reparto Covid è stato assolutamente isolato dal resto dell’ospedale. Sono stati riorganizzati tutti i servizi ospedalieri con l’accorpamento dell’area chirurgica e medica al fine di poter assegnare al reparto Covid 19 ulteriore personale medico e paramedico ed è stato rafforzato il reparto di terapia intensiva e sub intensiva. È di pochi giorni fa la riunione di una task force dedicata al Vallo di Diano che ha esaminato in loco, insieme al consigliere delegato della Regione alla Sanità Coscioni e al DG Iervolino, l’andamento dell’organizzazione di Polla, considerata dagli stessi all’altezza delle necessità.  Su mia istanza si sta lavorando per sottoporre a tampone tutti gli operatori sanitari, ridurre i tempi di effettuazione degli stessi sul territorio, dotare il 118 di un’ambulanza per il trasporto contagiati, avere a disposizione una èquipe medica per i contagiati che si trovano a casa”.

Giuliano interviene poi sull’ospedale di Sant’Arsenio: “Si sta lavorando con il collega sindaco di Sant’Arsenio Donato Pica e l’assessore regionale Corrado Matera affinchè possa essere recuperato e utilizzato nel modo che sarà ritenuto più opportuno, dando seguito ai finanziamenti già individuati prima dell’emergenza. Per questo motivo dobbiamo lavorare con fiducia nella direzione intrapresa e rafforzare ancora di più l’ospedale di Polla”.

Infine, il sindaco Giuliano chiede unità e collaborazione ai colleghi: “Non è il tempo delle polemiche. E’ tempo di pensare alla salute dei cittadini, di lavorare tutti nella stessa direzione, di fare squadra e aiutare chi si trova in difficoltà economica. Dobbiamo essere uniti e solidali”.

– Claudia Monaco –

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*