Si è concluso venerdì scorso, presso l’Istituto Omnicomprensivo di Polla, il progettoSchool Sharing – educare al benessere”.

Un approccio ottimistico e positivo alla vita, che si apprende anche e soprattutto sui banchi di scuola. Infatti, è proprio questo lo spirito che ha accompagnato la nuova sfida didattica, realizzata dalla scuola dell’infanzia di Polla Cappuccini ed organizzata in collaborazione con il Polo Qualità e l’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli.

L’iniziativa scolastica, rivolta agli alunni di anni 5, si è snodata in diversi incontri con un obiettivo comune: insegnare ai piccoli l’alfabeto delle emozioni.E’ un processo simile a quello in cui si impara a leggerespiegano le insegnanti coinvolte Iannicelli e Leopardipoiché comporta la promozione della capacità di leggere e comprendere le proprie ed altrui emozioni e l’utilizzo di tali abilità per comprendere meglio se stessi e gli altri”.

Del resto, anche l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ritiene che acquisire la consapevolezza delle proprie emozioni e potenziare le “life skills education” è fondamentale per far assumere ai bambini un comportamento versatile e positivo indispensabile ad affrontare efficacemente le sfide della vita.

Le emozioni degli alunni sono state stimolate, in particolare, partendo da questa tematica: “C’era una volta … le fiabe aiutano a superare le paure” e “C’è una fiaba per ogni perché”. Attraverso il racconto di alcune fiabe classiche e di una leggenda pollese La storia di Maria Marmora, che ha portato gli alunni a conoscere storie e luoghi del proprio paese, i piccoli studenti hanno elaborato più emotività: l’andare oltre l’apparenza, superare le proprie paure e il senso di appartenenza alla propria terra. Soddisfazione è stata espressa dal Dirigente Scolastico prof. Elio Cantelmi e dalla docente referente del Polo Qualità Giuseppina Leopardi.

Insomma, un successo didattico che ha visto i bambini protagonisti di uno speciale modo di insegnare e di imparare all’insegna della positività.

 – Francesca Caggiano –


 

Commenti chiusi