Eboli: l’Amministrazione approva l’intervento di valorizzazione di Porta San Giovanni



































La Giunta comunale di Eboli ha approvato l’intervento di valorizzazione denominato “progettazione, riqualificazione e gestione di un’area denominata Porta San Giovanni con apporto di capitali”.

Un obiettivo considerato strategico dall’Amministrazione comunale, tanto che l’esecutivo ha licenziato anche modalità e criteri per l’attribuzione del pubblico interesse alle eventuali proposte che dovessero pervenire per l’affidamento della concessione. L’idea è di dare sistemazione, riqualificazione ed un nuovo volto ad un’area che rappresenta l’ingresso principale al centro urbano, puntando a progetti che siano sostenibili e abbiano la capacità di raggiungere obiettivi pubblici e condivisi.

L’area Porta San Giovanni comprende l’area dell’ex macello, l’ex autoparco, l’area del mercato ortofrutticolo e l’area marginale della stazione ferroviaria, quindi rappresenta la vera porta di ingresso per chi arriva nella nostra città – ricorda il sindaco, Massimo Cariello -. Il nostro obiettivo è non solo riqualificare e sistemare l’area, ma anche migliorare la qualità architettonica e urbana, guardando a migliorare anche la viabilità, trattandosi di una zona strategica per la mobilità cittadina“.







Nel rispetto degli standard urbanistici, quelle che oggi sono strutture in disuso saranno un nuovo volano per la città, in una zona dove saranno previste anche aree verdi e servizi per i cittadini. L’intero intervento è frutto di un ampio confronto all’interno della maggioranza, come sottolinea il presidente del Consiglio comunale, Fausto Vecchio:”La Giunta Cariello ha dato corpo alla volontà dell’intera maggioranza. Puntiamo a sistemare l’area e riqualificarla, prevedendo nuovi standard di sicurezza in considerazione del vicino terminal bus e della stazione ferroviaria e guardando a servizi per la collettività che facciano aumentare disponibilità di spazi ed opportunità per i cittadini“.

– Chiara Di Miele –

































Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*