E’ stata aggredita nel centro di Eboli Fatna Atouucha, 60enne marocchina che vive in Italia dal ’90.

Fatna è stata insultata da un ragazzo che l’ha spinta a terra vicino all’Istituto Scolastico “Giacinto Romano” mercoledì pomeriggio. La donna stava passeggiando da quelle parti e appena cominciato a piovere, non avendo l’ombrello con sè, ha pensato di coprirsi la testa con un sacchetto di plastica. Il giovane ha iniziato a prenderla in giro per questo gesto e, non contento, l’ha offesa. Fatna ha risposto alle ingiurie e il ragazzo l’ha così presa per un braccio, le ha rotto la manica della giacca e l’ha fatta rovinare a terra, rivolgendole insulti di stampo razzista.

Fatna ha denunciato l’accaduto ai carabinieri della Compagnia di Eboli, descrivendo il ragazzo autore dello sgradevole episodio. La notizia dell’aggressione è stata in seguito diffusa dalla figlia della 60enne, Fatiha Chakir, mediatrice culturale e conduttrice del Tg “Aljalira” in doppia lingua, araba e italiana, trasmesso dall’emittente Lira Tv.

Ho dovuto denunciare quanto accaduto per abbattere il muro dell’indifferenza che copre molto spesso gli episodi di razzismo – racconta Fatiha – Sentire piangere una donna di 60 anni che ha fatto una vita di sacrifici per crescere i suoi 5 figli in un paese che sente suo è la cosa più brutta che ci sia“.

– redazione – 


 

2 Commenti

  1. ITALIANI o STRANIERI il problema è la maleducazione e l’ignoranza di questi ragazzi. Ma la colpa di chi è? Degli adulti che li educano o meglio non li educano.

  2. Con tutto il rispetto per un gesto violento. .ma chi se ne fotte..?quanti episodi piu cruenti avvengono giornalmente ai danni di poveri anziani o meno anziani..ITALIANI..?qualcuno si scandalizza più di tanto? Mica lo vanno a dire in tv?dispiace per la signora. ..ma non è che solo per il fatto che e straniera ci si deve sentire tacciati di razzista. …quanti danni fanno i suoi paesani? ..quanti magrebini affollano le patrie galere? ..allora cacciamoli a calci nel sedere invece di farli mangiare annostre spese…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*