Era solo un bambino l’americano Bob Martin quando, nel 1958, durante una visita a Paestum insieme con i genitori, sottrasse un prezioso cimelio.

Inizialmente, il bambino, vide e portò via quello che credeva fosse l’osso di un legionario romano e che, invece, poi si rivelò una statuetta d’avorio.

Uno scrupolo che, Bob Martin, si è portato dietro per diversi decenni: l’uomo è tornato dagli Stati Uniti per riconsegnare il reperto, la statuetta dell’Abbondanza, nelle mani del Direttore del Parco Archeologico, Gabriel Zuchtriegel il quale non ha nascosto la sua commozione quando gli è stata consegnata l’opera.

“Da un’analisi preliminare – ha detto il Direttore del Parco – sembra di poter riconoscere il dio Dioniso con la cornucopia, simbolo dell’abbondanza”.

La piccola scultura, che a giudicare dalla forma concava del retro era un’applique, è stata consegnata al laboratorio di restauro del Parco Archeologico, dove sarà pulita e studiata dagli archeologi, per essere poi esposta eventualmente nel Museo di Paestum.

– Claudia Monaco –

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano