Ha fatto ingresso nella comunità di Vietri di Potenza don Vito Serritella, originario di Ricigliano, ma da sempre legato alla terra vietrese. Succede a don Mario Gioia, che per motivi personali già da qualche mese ha presentato la rinuncia al Vescovo, Mons. Ligorio.

In questo periodo le Sante Messe e le varie funzioni sono state portate avanti da Padre Tommaso Luongo, frate cappuccino del Convento. Don Vito Serritella, 42 anni il prossimo 4 agosto, solo qualche settimana fa ha ricevuto un altro prestigioso incarico, quello di nuovo canonico del Capitolo Cattedrale della chiesa “San Gerardo Vescovo” di Potenza. E’ già vicario giudiziale del Tribunale Ecclesiastico, nonché giudice e assistente spirituale presso la Pastorale Familiare di Potenza. Da anni in Vaticano, è officiale del Pontificio Consiglio per i Testi Legislativi. E’ anche autore di diverse pubblicazioni sulla vita matrimoniale e sulla fede.

Mons. Francesco Parrella, che da diversi anni non è più parroco in paese e lo è stato dal 1956 al 2015, invece è stato nominato Rettore della Chiesa Santuario “Madonna del Carmine” di Vietri di Potenza.

Ad accompagnare l’ingresso di don Vito Serritella nella Parrocchia “San Nicola di Myra” anche l’Arcivescovo metropolita di Potenza-Muro Lucano-Marsico Nuovo, Mons. Salvatore Ligorio, che ieri pomeriggio ha presieduto la Santa Messa nella Chiesa Madre per l’introduzione al Ministero Pastorale di don Vito. Presenti in Chiesa anche il Sindaco, Christian Giordano, l’Arma dei Carabinieri e la Polizia Locale, oltre ai rappresentanti delle associazioni.

Don Vito, poco più tardi, ha presieduto la prima Santa Messa nella sua nuova Parrocchia. Tanti i fedeli che, nel rispetto delle norme anti contagio, lo hanno accolto anche con striscioni di amore per il suo arrivo.

– Claudio Buono –

 

Un commento

  1. Caterina Labriola says:

    Vicina spiritualmente in questo ingresso nel ministero pastorale nella parrocchia s. Nicola del mio paese Vietri di Pz, auguro di cuore ogni Bene.
    Caterina a Labriola Urciuoli

Scrivi un commento. Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamatori e razzisti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*