A partire dallo scorso 11 dicembre, in seguito all’entrata in vigore del Decreto Legge 132/2014 (convertito in L. 162/2014), ha avuto inizio la vigenza della normativa sul cosiddetto “divorzio facile“. La possibilità cioè, per i coniugi che siano in procinto di separarsi in maniera consensuale, di accedere ad una procedura semplificata che permette di chiudere la pratica di divorzio presso gli uffici del Comune, davanti al Sindaco o a un Ufficiale dello Stato Civile (in alternativa è previsto l’affidamento ad un unico legale che, raggiunto l’accordo tra i coniugi, trasmette copia autenticata all’Ufficiale dello Stato Civile del Comune in cui il matrimonio è stato registrato). Dopo 30 giorni i coniugi sono invitati a ripresentarsi per confermare la scelta. Ci si potrà recare presso il Comune di residenza di uno dei due o presso quello in cui è iscritto o trascritto l’atto di matrimonio. I coniugi che non desiderano più stare insieme “finchè morte non li separi”, al momento di doversi presentare dal Sindaco per sottoscrivere la dichiarazione che faccia cessare gli effetti giuridici del matrimonio, dovranno affrontare l’unica spesa consistente nel pagamento del diritto fisso non superiore a 16 euro, che corrisponde all’imposta fissa di bollo prevista per le pubblicazioni di matrimonio (le cifre per un iter di separazione in Tribunale sono spesso esorbitanti e difficilmente sostenibili da uno o entrambi i coniugi).

Tutti i Comuni si stanno attivando in merito all’istituzione del diritto fisso da versare per avviare la procedura di “divorzio facile” e, nel Vallo di Diano, il primo a deliberare in tal senso è stato il Comune di Buonabitacolo attraverso la Delibera di Giunta n.86 dell’11 dicembre scorso, data a partire dalla quale verrà riscosso il diritto fisso. L’Amministrazione guidata da Elia Rinaldi, vista l’urgenza che questo atto riveste, ha ritenuto di determinare l’importo in 16 euro, così come prevede il D.L. 132/2014. Importo che aumenterà o diminuirà in maniera automatica in base all’aumento dell’imposta di bollo che si applica alle pubblicazioni di matrimonio. Divorzio facile e low cost anche nel Vallo di Diano, quindi,  purchè non vi siano figli minori, portatori di handicap grave o economicamente non autosufficienti e  l’accordo non contenga patti di trasferimento patrimoniale.

– Chiara Di Miele – 


  • Articolo correlato

16/11/2014 – Al via il “divorzio fai da te”: basta il sindaco per dirsi addio 

 

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano