La Procura della Repubblica presso il Tribunale di Salerno chiederà al giudice delle indagini preliminari di mandare a processo otto persone con l’accusa di inquinamento ambientale per lo sversamento di milioni di dischetti in mare, trascinati dalle correnti, spiaggiati dalle onde e fuoriusciti dal depuratore di Capaccio Paestum.

Lo fa sapere Clean Sea Life, progetto finanziato dall’Unione Europea che vuole accrescere l’attenzione del pubblico sulla quantità di rifiuti presenti in mare e sulle spiagge, in merito alla disfunzione nella progettazione tecnica della griglia del depuratore di Varolato che nel 2018 causò la fuoriuscita e la dispersione in mare di innumerevoli di dischetti in plastica non biodegradabile.

Hanno investito le coste italiane, francesi, spagnole, tunisine e maltesi, in zone di elevato valore per la biodiversità, aree protette, parchi nazionali e santuari internazionali, e finendo nello stomaco di specie protette come le tartarughe marine – spiegano dall’organizzazione ambientalista -. Se si va a processo è anche grazie a voi: i circa 250.000 dischetti che tutti insieme abbiamo raccolto e le oltre 600 segnalazioni foto/video che Clean Sea Life continua a raccogliere hanno dato un contributo determinante alle indagini e aiutato gli inquirenti a identificare il luogo, l’entità e l’impatto dello sversamento“.

Davanti al giudice delle indagini preliminari in 8 tra funzionari comunali e dirigenti della Veolia. Per loro la richiesta di rinvio a giudizio per inquinamento ambientale.

– Chiara Di Miele –


  • Articolo correlato:

14/3/2019 – Dischetti di plastica in mare. Uno sbaglio nella progettazione della griglia del depuratore di Capaccio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.